La Giunta ha approvato il progetto definitivo-esecutivo di manutenzione straordinaria della “Ex casa del custode” di Villa Murabito a Casoli. L’intervento prevede un investimento di quasi 230.000,00 euro finalizzato al restauro della struttura che presenta un degrado delle superfici esterne causato da problemi di infiltrazione. I lavori partiranno entro la prossima primavera e avranno una durata che si stima in 90 giorni.

Il progetto prevede la ripassatura del manto di copertura con consolidamento del solaio esistente e inserimento della guaina di impermeabilizzazione, la sostituzione della gronda e l’installazione della linea vita. Si procederà inoltre al consolidamento dei solai con sistemazione della pavimentazione, al restauro degli intonaci interni ed esterni, al rifacimento degli impianti idrotermosanitari ed elettrici, alla revisione totale degli infissi e alla tinteggiatura completa interna ed esterna. Per permettere una migliore funzionalità della stanza adibita ad ambulatorio sarà completamente rinnovato il bagno al piano primo e messa ad opera la nuova caldaia.

La “Ex casa del custode” è annessa alla villa dove Rosario Murabito visse con la moglie Grayce ed è stata intorno alla metà degli anni Sessanta del 1900, la Casa-Museo, fucina d’incontri culturali e artistici, grazie alla forza attrattiva dell'artista siciliano. Già noto pittore e scultore, dopo la fortunata gestione del “Caffè Reggio” in America e "scoperta" la Toscana, si circonda delle migliori personalità della critica d’arte che, in questo stesso luogo decisero di condividere idee, piaceri e ricerca: un fermento culturale “esplosivo”. All'improvvisa scomparsa del marito, avvenuta nel 1972, la vedova Murabito si prodigò in iniziative artistiche, in memoria e di promozione, donando - dopo la sua morte - la villa al Comune di Camaiore. Attualmente il Comitato Paesano di Casoli si prende cura del giardino, valorizzando la struttura attraverso l’organizzazione di eventi e mostre.

Touristeninformationsbüro Öffnungszeiten
Toggle Bar