Tornano i grandi tappeti di segatura colorata, si rinnova l’appuntamento con una tradizione che affonda le proprie radici nella storia. Il 22 e 23 giugno ancora una volta le strade del centro storico di Camaiore saranno adornate con lunghi tappeti artistici, in attesa del passaggio della processione del Corpus Domini della domenica mattina. Mamme e figli, nonni e nipoti. Ci saranno come sempre generazioni di camaioresi a realizzare dalla sera di sabato fino alle prime luci dell’alba di domenica, quello che ormai a tutti gli effetti è considerato uno spettacolo di arte effimera, unico nel suo genere, che coinvolgerà l'intero centro storico. I protagonisti indiscussi saranno i tappeti di decine di metri di lunghezza, realizzati con segatura colorata che si snodano per tutto il centro regalando uno spettacolo eccezionale. Poche ore per osservarli ed ammirarli, poi la precessione religiosa che passerà su questo percorso ne lascerà solo un ricordo. La manifestazione gode dei patrocini del Comune di Camaiore, Provincia di Lucca e Regione Toscana e, per l’edizione 2019, anche di un riconoscimento internazionale, quello della “Comision Gestora Internacional de Entidades de Alfombristas de Arte Efimero”.

LE CLASSIFICHE

Confermata la novità re-introdotta nel 2017: il ritorno delle classifiche. Quest’anno il concorso sarà diviso in due categorie: Senior e Under23. I giurati, nella notte tra il 22 giugno e la mattina del 23, si aggireranno tra i vari gruppi di tappetari per valutare la composizione, il colore, l'attinenza al tema. Domenica la giuria tirerà le somme, raccogliendo le schede di votazione, e sarà stabilito il 'miglior' tappeto edizione 2019. L'ultima edizione dei tappeti è stata vinta dal gruppo Palinsesto. 

IL TEMA

A scegliere il tema generale, come ogni anno, è stata la Parrocchia di Santa Maria Assunta in Camaiore. L’argomento guida scelto per il 2019 è “il Sinodo dei giovani”. Nell’introduzione del tema la parrocchia spiega che “I giovani di oggi si confrontano con una serie di sfide e opportunità esterne ed interne, molte delle quali sono specifiche dei loro contesti individuali, mentre alcune sono condivise tra i Continenti. Alla luce di ciò, è necessario per la Chiesa esaminare il modo in cui pensa ai giovani ed entrare in contatto con loro, affinché possa risultare una guida efficace, rilevante e vivificante nel corso della loro vita. La presenza dei giovani ha segnato una novità: attraverso di loro è risuonata nel Sinodo la voce di tutta una generazione”. Come ormai da tradizione ogni gruppo svilupperà il tema principale attorno ad un determinato argomento. 

  • La Badia
    La chiesa con i giovani in cammino sulla terra verso il futuro
  • Amici Tradizioni Popolari
    La chiesa nel Vecchio Continente
  • Fattoria Millefiori (u23)
    La chiesa d’Africa
  • New Entry Palinsesto (u23)
    La chiesa nelle due Americhe
  • Fuori Porta Lombricese
    La chiesa in Oriente
  • Sunset
    La chiesa in Oceania
  • Gruppo Archeologico
    I giovani e la famiglia
  • Porta Nuova
  • Il rapporto con gli altri per superare le diversità e le divisioni nel mondo
  • Scuole Medie (u23)
    I giovani e il futuro nel segno della sicurezza, stabilità e realizzazione personale
  • Amici delle Pistelli (u23)
    Il rapporto con la tecnologia
  • Oratorio San Lazzaro (u23)
    La ricerca del senso della vita
  • Tepee Onlus
    L’integrazione e col confronto 
  • Palinsesto
    I giovani e Gesù
  • Giovanissimi Sesto Lucchese (u23)
    La vita come vocazione
  • Arte di Domani (u23)
    La cura per il creato: ecologia e rispetto per la terra
  • Scout Agesci (u23)
    I Giovani e l’accompagnamento
  • C.rea.
    Passato, presente e futuro, i giovani ed il legame con le passate generazioni
  • La Torre
    I giovani ed il ruolo della donna
  • Sesto Lucchese
    I giovani e la ricerca della bellezza
  • Greenaway
    I giovani e la sofferenza

 

IL MANIFESTO

Tutti gli anni la manifestazione è accompagnata da un manifesto ufficiale. Anche l’edizione 2019, come ormai da tradizione, è stato curato da uno degli storici tappetari di Camaiore, Franco Benassi. Rappresenta un’immagine stilizzata della Badia di Camaiore dalla quale si dipana un lungo tappeto realizzato con un mix dei tappeti dell’edizione 2018.

BUS NAVETTA DA LIDO DI CAMAIORE

Confermato, come lo scorso anno, anche il servizio di bus navetta gratuito per raggiungere il centro di Camaiore. Parte da Lido di Camaiore, fino dopo mezzanotte, dalla zona antistante il pontile, ossia da piazza Matteotti.

DISPOSITIVO DI SICUREZZA: SENSI UNICI PEDONALI PER APPREZZA AL MEGLIO L'ARTE DEI TAPPETARI

Dopo la positiva sperimentazione del 2018, è stato confermato il dispositivo di sicurezza per la notte dei tappeti di segatura. I provvedimenti hanno assicurato una maggiore fruibilità delle opere dei mastri tappetari, evitando ingorghi e rallentamenti. Il Comune di Camaiore ha quindi predisposto anche per il 2019 un circuito con direzioni obbligate, sfruttando la conformazione viaria del centro storico che permetterà comunque un certo grado di libertà grazie alle contrade in cui si potrà invertire la direzione di marcia.

Dalle 20.00 del 22 giugno fino alle ore 02.00 del 23 giugno, via Vittorio Emanuele sarà transitabile in direzione piazza Romboni, mentre via XX settembre in direzione piazza XXIX maggio. In entrambi i casi un lato della strada sarà riservato al lavoro dei maestri tappetari. 

Una squadra di circa trenta addetti, riconoscibili da un tesserino e da un gilet ad alta visibilità con lo stemma del Comune di Camaiore, fornirà le informazioni a ogni snodo, fungendo anche da presidio di sicurezza e da servizio antincendio. Dalla mattina, nelle ore precedenti la solenne processione del Corpus Domini, sarà invece possibile transitare liberamente. Per quanto riguarda le misure antiterrorismo saranno predisposti sbarramenti presidiati per evitare intrusioni all’interno del circuito con new jersey e vetture di pubblica sicurezza.