Nel contesto dei controlli anti-abusivismo il personale della Polizia Municipale di Camaiore e i Carabinieri della stazione di Lido di Camaiore hanno effettuato una verifica in un appartamento di Lido di Camaiore durante la quale è emersa la presenza di 13 persone  all’interno di un appartamento composto da 5 vani.

Durante il sopralluogo e i successivi controlli effettuati dal Dipartimento di Prevenzione dell’A.U.S.L Toscana Nord Ovest, verificato che non vi era presenza di merci contraffatte, è stato rilevato che l’appartamento poteva ospitare al massimo 7 persone, invece delle 13 presenti, nonché carenze igienico-sanitarie e di sicurezza degli impianti.

Alla luce di ciò è stata dichiarata, con ordinanza sindacale, l'inagibilità dell’alloggio e il conseguente sgombero, notificate al proprietario dell’immobile e all’affittuario, fino al ripristino delle carenze rilevate, al fine di evitare situazioni di grave pericolo che possano pregiudicare la sicurezza degli alloggiati e degli altri inquilini dello stabile. 

“La lotta all’abusivismo commerciale e a questo schiavismo del nuovo millennio passa anche dall’intercettazione degli attori che sono fonte del problema. Come ci eravamo detti col compianto Prefetto dott. Falco, questa azione è indispensabile e le istituzioni dell’ordine pubblico, aiutate da quelle locali, hanno un ruolo fondamentale nello sradicamento di questo mercato illecito. Infine, resta la preoccupazione e il dispiacere di essere umani letteralmente accatastati in condizioni inaccettabili, fatto per il quale non sono loro a dover pagare, bensì chi ciò ha permesso avvenisse, rendendoli schiavi. Faccio un appello a tutti i cittadini: garantendovi anonimato, l’Amministrazione e la Polizia Locale, insieme alle forze dell’ordine, sono a disposizione completa per ricevere segnalazioni e informative su situazioni analoghe a questa, perciò aiutateci e siate i nostri occhi e orecchi sul territorio per debellare questi fenomeni” le parole del Sindaco Alessandro Del Dotto.