Questa mattina, venerdì 4 settembre, si è tenuta presso il Palasport Camaiore la conferenza stampa di presentazione della Polisportiva “DDSporting CAMAIORE”, il cui nome è una dedica in ricordo di Dario D’Alessandro, atleta Azzurro, pluricampione italiano, scomparso all’età di 16 anni la notte di Natale 2019.

Decisione maturata in questi mesi dai presidenti delle associazioni coinvolte, tra cui Alessandro Romoli, Domenico Carmignani e Simone Mallegni per ricordare Dario in questo progetto sportivo di notevole importanza per tutta la comunità camaiorese.

“DDSporting CAMAIORE” nasce come progetto didattico multidisciplinare dedicato ai bambini in cui, oltre ad apprendere le tecniche natatorie di base, i piccoli nuotatori possono sperimentare durante la crescita altre discipline sportive quali il nuoto pinnato, la pallanuoto e il salvamento agonistico, così da poter indirizzare consapevolmente il proprio futuro sportivo.

Presenti alla conferenza i vertici di Pluriservizi Camaiore S.p.A. gestore dell’impianto, Alessandro del Dotto Sindaco di Camaiore e i referenti delle federazioni sportive tra cui Carlo Allegrini presidente nazionale Fipsas - attività subacquee, Stefano Pellacani delegato Provinciale Coni, Edoardo Morini delegato Comitato Italiano Paralimpico  e la Fin con i saluti inviati per posta del Presidente del Comitato Toscano Roberto Bresci, a testimoniare la  vicinanza delle istituzioni ai ragazzi dell’associazione.

Il Sindaco Alessandro Del Dotto, durante il suo intervento, ha espresso la volontà dell’amministrazione di intitolare la piscina comunale alla memoria di Dario D’Alessandro così da inviare un segnale forte di vicinanza, da parte delle istituzioni, ai numerosi giovani atleti presenti i quali, con il loro entusiasmo, hanno dimostrato l’importanza del progetto e quanto importante sia la stima ricevuta.

Simone Mallegni, primo presidente eletto di questa nuova realtà polisportiva, dichiara: “La scomparsa di Dario ha lasciato un vuoto enorme, non solo nella nostra società o nei ragazzi di Camaiore che lo conoscevano ma persino negli atleti di tutta Italia. Dario era un punto fermo per tutti noi, e proprio per questo abbiamo scelto questo nome, in parte per cercare di colmare questa mancanza, ma sopratutto per far diventare questa società un punto di riferimento per la comunità di Camaiore.”

A conclusione Mallegni si auspica la nascita di un vero polo unico natatorio camaiorese: “Ci farebbe piacere che quelle piccole realtà natatorie presenti nell’impianto, con il tempo, possano aderire a questo progetto, con il fine unico di contrastare l’abbandono sportivo e rendere il Palasport un punto centrale della comunità di Camaiore”.

Bureau d'information touristique Heures d'ouverture
Toggle Bar