A seguito delle deliberazioni dell’assemblea n. 6 del 21.06.2018 e n.14 del 19/12/2018, l’Autorità per il servizio di Gestione integrata dei rifiuti urbani ATO Toscana Costa ha avviato il percorso per l’aggiornamento del Piano straordinario (Ps) per il primo affidamento del servizio, di cui all’art. 27 L.R. 61/2007. In particolare, si è preso atto delle variazioni intervenute nell’attuale sistema di gestione e negli strumenti di pianificazione sovraordinati dalla data di approvazione del vigente Piano straordinario (Ps), avvenuta con deliberazione dell’assemblea n. 11 del 06.07.2015.
Le modifiche, come anche citate puntualmente nei suddetti atti deliberativi, sono relative in particolare alla situazione impiantistica: ciò comporta la necessità di rivedere le ipotesi relative a configurazione impiantistica di Piano e ai flussi oggetto di trattamento, al fine di garantire il rispetto di obiettivi e prescrizioni normativi e pianificatori. Infatti, nel 2017 sono intervenute novità in ambito di pianificazione regionale (la modifica al PRB e l’accordo interambito), con l’introduzione tra gli impianti di ambito dell’impianto TMB di Peccioli e la revisione delle previsioni di produzione di rifiuti nel periodo 2018-2020.
Va inoltre rilevato come la Commissione Europea abbia approvato, il 22 maggio 2018 il “Pacchetto Economia Circolare” per la gestione rifiuti, di cui l’aggiornamento del Piano dovrà necessariamente tenere conto. La possibilità di revisione del Piano straordinario si basa sulla L.R. n. 61/2014, che ha conferito all'Autorità di gestione rifiuti il potere di aggiornare il Piano stesso.

Il Piano straordinario, che aggiorna e sostituisce il vigente, costituisce quindi un atto di programmazione dei servizi, subordinato al Piano regionale oltre che alla normativa comunitaria, nazionale e regionale. Le previsioni del Piano straordinario di conseguenza sono soggette a modifica in funzione delle novità normative e pianificatorie sovraordinate che dovessero intervenire.
Il Piano straordinario, una volta conseguita la configurazione a regime del sistema di gestione prevista per il 2023, potrà essere altresì soggetto a modifica ed aggiornamento in base alle mutate condizioni verificatesi sul sistema di gestione e/o ad evidenze che consentano di una maggiore economicità del servizio.
L’Autorità, successivamente all’affidamento del servizio, provvederà altresì a redigere il Piano d’Ambito così come previsto dalla normativa regionale in materia: tale Piano andrà a sostituire il Piano straordinario per il primo affidamento.

Come presentare le osservazioni

Le osservazioni alla Proposta di aggiornamento Piano Straordinario potranno pervenire all'Autorità per il servizio di Gestione integrata dei rifiuti urbani ATO Toscana Costa nei trenta giorni
successivi alla pubblicazione, e cioè a partire dal 13/05/19 fino al 12/06/2019,  con le seguenti alternative modalità di trasmissione

  • Posta ordinaria mediante Raccomandata A/R da recapitare al seguente indirizzo: Autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ATO Toscana Costa, via Cogorano n. 25 cap 57123 Livorno
  • Posta elettronica certificata al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Consegna a mano presso l’ufficio protocollo dell’Autorità sito a Livorno in via Cogorano, 25, 1° piano, con orario 8.30 – 14.00 dal lunedì al venerdì ed inoltre 15.00 – 17.00 nei soli giorni di martedì e giovedì.

Proposta di aggiornamento del Piano Straordinario dei rifiuti urbani ATO Toscana Costa