È stata inaugurata sabato 1 giugno alla Galleria Europa di Lido di Camaiore la mostra "Il mito scivola nell'invisibile" di Lorenzo Di Vald. La mostra sarà visitabile fino al 11 giugno con orario 18-23, lunedì escluso.

Lorenzo di Vald, definitosi “Realista Visionario”, richiamando James Hillman, ha potuto apprendere un nuovo modo di pensare l'arte. Intuitivamente, cerca di allontanarsi dal modo di dipingere postmodernista. Nella sua espressione artistica cerca, altresì, di interagire col Nuovo Realismo filosofico di Maurizio Ferraris, padre del nuovo clima di pensiero che si sta diffondendo nell'Occidente in questo terzo millennio.
L'artista, come avvenuto nelle precedenti mostre, seleziona le opere oggetto di questa esposizione, per riflettere sull'immaginazione. Esse hanno l'intento di dare loro l'unità di significato, riunendole sotto il titolo: “Il mito scivola nell'invisibile”, nel senso di esplorare l'aspirazione di una nuova epoca attraverso simboli archetipici che rispondono alla realtà odierna.

Ogni dipinto coglie lo spunto dalla meditazione quale ponte tra la realtà inemendabile e l'intuizione dell'artista proveniente dall'Anima, di fronte alla resistenza dell'ambiente naturale. Questo, in una ricerca costante che conduce alla creatività e a darsi risposte sull'influenza che ha la natura, bella e semplice, sull'esistenza del genere umano.

Lorenzo di Vald, ha inteso mettere in dialogo il mito, l'arte e la natura attraverso la metafora e i simboli, per giungere ad un significato delle opere esposte che leghi le cose reali con le loro raffigurazioni sostitutive (Il mondo esterno e l'arte pittorica). In sintesi, ciò che “immagina e vede mentre guarda”. Il proposito che emerge è quello di dare rilievo alla saggezza cosmica contenuta nel mondo ricco e vario in cui viviamo per migliorare l'esistenza e l'Anima cosmica, in cui gli umani ne sono una microscopica parte, condividendo con la natura l'evoluzione delle specie viventi.

Del resto, attraverso i colori che sono in intima unione con il Cosmo e di conseguenza con la pittura e con le immagini, Lorenzo di Vald tenta di dare un senso che per propria forza emerge dalla sua Anima.

La-voce-del-Mare-e-il-senso-della-vita
Londina-Bora-che-emerge-dal-mare
Il-silenzio-il-frastuonolincomunicabilitalamore
Gli-invisibili-che-determinano-il-destino
speriamo-nellArca
Chi-naufraga-non-accusi-Nettuno
Realta-invisibile

LORENZO DI VALD (pseudonimo artistico di Renzo Greco)

Nato ad Arcola (SP) il 7 settembre 1944. La sua formazione artistica spazia dalla frequenza, negli anni '70, del corso di laurea in Architettura presso la Facoltà dell'Ateneo di Genova, allo studio della pittura da autodidatta. Nel 1981, a Cinquale di Montignoso, conosce Mino Maccari che apprezza le sue opere. Da ciò, Lorenzo rimane segnato. In seguito, prende lezioni private di approfondimento delle arti visive e di pittura presso l'atelier di Massa del pittore Lirico-informale materico, prof. Sebastiano Muzio, docente di Discipline Pittoriche in licei artistici statali.
Si esercita con la tecnica ad olio, replicando alcune opere di eccellenze rinascimentali, esplorandone particolari, composizione e simbolismi. Ottiene dal prof. Muzio l'attestato di frequenza alle lezioni con risultati “eccellenti”. Un percorso, questo, che si evolve nella sua dedizione completa alla libertà dell'arte. All'inizio del terzo millennio, Lorenzo subisce la fascinazione del “manifesto del Nuovo Realismo filosofico” (Editori Laterza-2012) di Maurizio Ferraris, filosofo ed accademico italiano. Nasce, così, un'attività pittorica di ricerca in direzione del nuovo clima di pensiero. Nei quadri, le figure prendono forma con numerosi riferimenti al “New Realism”, ma ciò non significa rinunciare alla Creatività artistica attinta agli elementi perfetti di Amore presenti nell'Anima, concetto in “Archetipo Primo” della scrittrice Maura Tesconi Greco di Valdina.
Attualmente, le opere del pittore si rapportano principalmente alla tecnica dei “soft pastels” e dei pigmenti in polvere. Ciò, in seguito di una ricerca personale che tratta il supporto ligneo con una imprimitura affresco. www.facebook.com/LorenzodiVald

CURRICULUM ARTISTICO
(2018/2019):
attua un progetto Arte per la mostra inedita personale nella Galleria Europa di Lido di Camaiore per l'anno 2019 dal titolo “Il mito scivola nell'invisibile”. (2018): progetta, organizza e cura, con la collaborazione del Centro Culturale “L. Russo” di Pietrasanta, la mostra personale di pittura nella Sala delle Grasce dal tema “La simmetria della vita”. Le foto dei quadri esposti e notizie su Lorenzo di Vald sono inserite sul sito del Centro Culturalewww.museodeibozzetti.it.
(2017): prepara una mostra personale in ambito di esposizioni temporanee per l'anno 2018 promossa dal Centro Culturale “L. Russo” di Pietrasanta.
(2016): realizza la mostra personale intitolata “Io, realista visionario?” presso la Villa Schiff-Giorgini di Montignoso.
(2014-2016): sperimenta e sviluppa esperienze con la tecnica dei “soft pastels” e i pigmenti in polvere su tavola.
(2013-2014): produce acquerelli per copertine di libri, in collaborazione con la “Pilgrim Edizioni”, casa editrice al servizio della Cultura e della Crescita personale.
(2012): realizza e cura la composizione grafica dell'opuscolo “Le Terre della Luna”, in collaborazione con la Camera di Commercio di Massa-Carrara. Continua a dedicarsi alla ricerca artistica.
(2000-2009): collabora con la Compagnia di teatro amatoriale “Nuovo Teatro 2000” di Pisa, ideando scenografie teatrali.
(1998): espone (olio su tela) nella collettiva di Villa Schiff-Giorgini di Montignoso.
(1996): riceve il Diploma d'onore per la pittura (olio su tela) all'interno del premio nazionale di Montecatini Terme – seconda rassegna d'arte colori e poesia della Valdinievole.
(1980-2001): produce ed espone quadri ad olio e in acrilico in varie sedi.

Contatti: 339 2893858 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.