ANELLO 9

BADIA DI CAMAIORE - PERALLA – PIEVE - BADIA DI CAMAIORE

Grado di difficoltà CAI: T=turistico. E=escursionisti per alcuni tratti

Km. 8 circa

Tempo di percorrenza 3,30 ore circa

Percorso su strade e sentieri

Quota partenza metri 40 (Badia)

Quota massima metri 345 (Torre Peralla)

Si avvisano gli escursionisti che il tracciato che dalla via di Carbonaia raggiunge la Via di Col Pisano, per mezzo del sentiero di Gallena non è praticabile e pertanto si modifica l’anello nel seguente modo:

  • In località Gallena proseguire per il sentiero di Carbonaia che conduce sulla strada asfaltata di Metato, proseguire per circa 1 km fino a raggiungere la deviazione indicata di Col Pisano che conduce sul sentiero di Salapreti e Summonti.

PERCORSO: Inizia dalla Badia Benedettina di Camaiore intitolata a San Pietro e già esistente sotto il Regno Longobardo nell’anno 761. Del monastero si può ancora visitare la stupenda chiesa romanica con l’arco di ingresso che permetteva l’accesso all’antico cenobio. Da Badia si prosegue su strada asfaltata in direzione Vado – Casoli e a circa 300 metri di distanza si svolta a destra sulla via detta della Verdina. La strada da qui sale con discreta pendenza fino all’agriturismo la Casa del Sole e proseguendo a diritto si incontra la deviazione, segnalata da apposito cartello, sul sentiero di Carbonaia fino ad incontrare la strada comunale di Metato, un lungo tratto su asfalto di circa 1 km ci porta fino alla deviazione della Via di Col Pisano che si incontra sulla destra, da qui si prosegue su sentiero dal quale si può ammirare un panorama davvero suggestivo e che ci conduce con tratto pianeggiante fino alla deviazione della località di Peralla (m 288) . Giunti al piccolo borgo recuperato e voluto dall’artista Maria Fiore De Henriquez, un villaggio turistico frequentato da stranieri che si è sovrapposto all’antico abitato del castello del XIII secolo. Merita una visita il rudere della possente torre circolare che si raggiunge salendo per circa 200 metri tramite un sentiero indicato dal segnavia. Proseguendo l’itinerario, da Peralla si segue la stradina che attraversa il sottostante e contiguo abitato di Agliano (secolo XIV)  che scende fino alla Pieve di Camaiore dove è possibile ammirare la stupenda chiesa e pieve citata nell’anno 817. In essa si conserva un sarcofago romano del III-IV secolo d. C. utilizzato come fonte battesimale e una pregevole tavola di Battista da Pisa del XV secolo. Dalla Pieve si prosegue voltando a destra salendo per la strada asfaltata denominata Via del Boscaccio per poi ridiscendere in località a Rosi. In questa località nacque il noto storico del Risorgimento Michele Rosi, al quale è stata intitolata la Biblioteca Comunale di Camaiore. La Via di Rosi incontra poco dopo la strada provinciale che collega Camaiore con Lucca si deve quindi svoltare a destra direzione Camaiore e proseguire fino ad incontrare la deviazione di Via Risorgimento. Da qui fatti pochi passi si prende a sinistra per la Via della Pescaglia, su questo breve tratto, in parte su uno stretto sentiero, troviamo i resti di una fontana del cinquecento che si scorge oltre la rete di divisione di una proprietà privata. La sorgente è decantata dallo storico e medico del XVI secolo, Bianco Bianchi per le sue virtù curative. Dalla Fontana della Pescaglia si raggiunge di nuovo la strada della Badia di Camaiore punto di inizio di questo percorso.

PUNTI DI INTERESSE

BADIA DI CAMAIORE, antico monastero dedicato a S. Pietro di Camaiore, citato per la prima volta nell’anno 761. La stupenda chiesa altomedievale subi rifacimenti intorno al XII secolo, restano tracce dell'area del chiostro e della cinta muraria.

RUDERI CASTELLO DI PERALLA, antica sede di un castello del XIII secolo. Di esso si conserva nella parte più elevata del borgo (ristrutturato su iniziativa della compianta artista Maria Fiore De Enriquez) una torre mezza disfatta di forma circolare e tratti del muro di cinta.

CHIESA DELLA PIEVEDI S. STEFANO, Intitolata a  S. Stefano di Camaiore di antichissime origini, ricordata nell'anno 817. Il suo vasto piviere comprendeva gran parte del territorio di Camaiore. Al suo interno si conserva un sarcofago romano del III sec. a.C. e una pregevole tavola di  Battista da Pisa del secolo XV.

FONTE DELLA PESCAGLIA, sulla Via della Pescaglia si trova, ad un livello più basso del viottolo, la Fontana della Pescaglia, citata nelle cronache del XVI secolo dello storico Bianco Bianchi.

Logo comune

Comune di Camaiore

 

Contatti

Piazza S. Bernardino da Siena, 1
55041 Camaiore (LU)
Centralino: (+39) 05849861
Fax: 0584 986264
Numero Verde: 800 015689
P.IVA 00190560466
PEC (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Numeri Utili

Comune di Camaiore 800 015689
Polizia Municipale 0584 986700
Citelum Segnalazione Guasti - Pubblica Illuminazione e semafori 800 978447
Gaia Segnalazione Guasti - Servizio Idrico 800 234567
Sea Whatsapp - Segnalazioni e informazioni raccolta rifiuti 3357192666
Segnalazioni Varchi Zona Traffico Limitato (servizio di prossima attivazione)

Seguici su

Seguici su Twitter  Seguici su Facebook  Seguici su YouTube