COMUNICATO STAMPA
16 luglio 2016
FRAMMENTO RELITTO TRASLATO AL
CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO
Arrivano prime conferme sulla datazione

Prime conferme sulla datazione del reperto di nave riportato dal mare, presso l’arenile del Bagno Doge nella mattina del 14 luglio. A un’analisi più approfondita si è potuto stabilire che la modalità di costruzione è sicuramente precedente all’XI secolo quindi di età romana o tardo antica, in un lasso di tempo che va da prima di Cristo sino al VI-VII secolo d.c..

Nel primo pomeriggio di venerdì 15 luglio, la madiera, lunga circa 4 metri e pesante un centinaio di chili, è stata traslata presso l’archivio del Civico Museo Archeologico di Camaiore. Nei prossimi giorni funzionari della Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici di Lucca e Massa Carrara, effettueranno un sopralluogo per avviare l’iter di consolidamento del reperto: saranno predisposti i passaggi burocratici per la presa in cura da parte del “Centro di restauro del Legno Bagnato” di Pisa. I tempi di ritorno della madiera sono stimati in alcuni mesi. Non è questo l’unico ritrovamento che segnala la possibilità che vi sia un relitto nelle acque antistanti la zona dell’Arlecchino. Negli anni Ottanta fu ritrovata un’anfora Dressel 1 per il trasporto del vino, oggi esposta presso il Civico Museo Archeologico. Ancor più indicativo il ritrovamento, qualche anno più tardi, di due pezzi di fasciame navale riconducibili all'epoca romana durante la costruzione delle fondamenta di una casa, sempre in quell’area, oggi sotto la tutela del Museo.

“Ovviamente non possiamo sapere se sono tutti pezzi del medesimo puzzle, ma sono indizi di una presenza che vorremmo fosse analizzata con maggiore attenzione. Nel frattempo prossimi mesi porteremo avanti le ricerche con una cura che è stata purtroppo assente nei decenni passati, visto che alcuni reperti si trovavano sepolti in archivio. Ho contattato il Ministero dei Beni Culturali per caldeggiare la possibilità di avviare una campagna in quel braccio di mare, utilizzando tecniche di eco-scandaglio. Intanto lavoriamo perché questo splendido reperto possa essere al più presto a disposizione della comunità e dei turisti presso il Nuovo Civico Museo Archeologico. Ci tengo infine a ringraziare tutti i protagonisti di questa vicenda: dai titolari del Bagno Doge, alla Responsabile dell’Ufficio Musei, Marzia Bonato, passando per il Comandante Barsuglia, a Luca Santini, fino al prezioso supporto del Sovrintendente Luigi Ficacci e di Giulio Ciampoltrini funzionario della Soprintendenza archeologica: un lavoro di squadra che ha portato a ottimi risultati”, il commendo del Sindaco Del Dotto.

Logo comune

Comune di Camaiore

 

Contatti

Piazza S. Bernardino da Siena, 1
55041 Camaiore (LU)
Centralino: (+39) 05849861
Fax: 0584 986264
Numero Verde: 800 015689
P.IVA 00190560466
PEC (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Numeri Utili

Comune di Camaiore 800 015689
Polizia Municipale 0584 986700
Citelum Segnalazione Guasti - Pubblica Illuminazione e semafori 800 978447
Gaia Segnalazione Guasti - Servizio Idrico 800 234567
Sea Whatsapp - Segnalazioni e informazioni raccolta rifiuti 3357192666
Segnalazioni Varchi Zona Traffico Limitato (servizio di prossima attivazione)

Seguici su

Seguici su Twitter  Seguici su Facebook  Seguici su YouTube