chiesa-san-biagio

 

Il piccolo borgo di Lombrici sorge sulla sponda orientale del torrente Lombricese da cui prende il nome. La nascita del borgo è legata alla distruzione del castello di Montecastrese (1225), le cui rovine rimangono sul colle di fronte. La chiesa tuttavia ha origine già in precedenza, dato che la torre campanaria compare già in un documento del 1083, nella quale si cita anche l’esistenza di un primordiale borgo. La chiesa ricompare in un altro documento del 1180, tra i possedimenti del ricco monastero della Badia di San Pietro a Camaiore.

La chiesa nel corso degli anni ha subito sicuramente diversi restauri e l’attuale aspetto è dovuto ai rimaneggiamenti del dopoguerra. La facciata a capanna si presenta con il paramento murario in pietra a vista, al centro si apre il portone d’ingresso, sormontato da una lunetta definita da conci squadrati con al centro un’effigie mariana. Sopra l’ingresso si apre una bifora con un colonnino in marmo. L’edificio è a pianta rettangolare, con l’asse maggiore orientato nord-est sud-ovest. L’interno prevede un’aula unica absidata, caratterizzata da un pavimento musivo a fasce ed elementi geometrici. Le pareti sono costituite dalla semplice muratura, mentre il soffitto è caratterizzato dalla tipica capriata lignea. La torre campanaria a pianta quadrangolare è situata sul lato opposto del sagrato rispetto alla chiesa. È in pietra e presenta piccole aperture, corrispondenti ai pianerottoli, mentre la cella campanaria prevede monofore sormontate da finestre ovali. La copertura presenta una merlatura.

 

Ufficio informazioni turistiche Orario di apertura
Toggle Bar