COMUNICATO STAMPA
04 giugno 2016
DEL DOTTO: “GOVERNO PERMETTA ACCOGLIENZA MIGRANTI ALL'INTERNO DELLE FAMIGLIE DISPONIBILI”
Siamo in contatto già da diverse settimane con il Governo e con la Regione Toscana perché diano una risposta tempestiva a quelle famiglie che si sono rese disponibili esplicitamente ad accogliere migranti all'interno del proprio nucleo familiare e di quante lo vorranno fare in futuro. Attualmente questa opzione non è contemplata dalla legge che prevede che l’accoglienza sia gestita solo attraverso gli enti di Pubblica assistenza come Misericordie, Parrocchie e altre realtà del terzo settore.
Gli ultimi giorni ci hanno raccontato di un gran numero di persone che sarebbero disponibilissime a mettere in pratica quello che ormai è divenuto uno slogan: “l’accoglienza si fa sotto i tetti e non sotto le tende”. Si tratta di una maggioranza silenziosa che magari non urla sui social con toni raccapriccianti, ma che mi ferma per strada per una parola o che si presenta al ricevimento del venerdì per dirmi che sono pronti a dare una mano.
Si attiverebbe così un circuito virtuoso che sovrapporrebbe i bisogni sociali dei nostri concittadini con la necessità di dare risposta a questo fenomeno che - lo ripetiamo - esiste anche se urliamo solo dei “No!”. Risposte peraltro particolarmente preziose perché promuoverebbero un’integrazione vera, arricchita dal calore umano di una famiglia. Fondamentale però è costruire un modello sostenibile e che possa garantire un controllo puntuale su queste situazioni. I soggetti giuridici dovranno supervisionare gli inserimenti, valutando se l’ambiente familiare è adeguato a portare beneficio sia a chi accoglie che a chi arriva. A quel punto si dovrà disporre che il mantenimento sia garantito grazie al contributo diretto dell’Europa che andrà a sostenere, non solo i bisogni dei migranti, ma anche quelle famiglie che oggi si trovano in difficoltà. Conosco tanti cittadini con nuclei familiari poco numerosi che si trovano a dover mantenere grandi case, persone che sarebbero molto felici di poter entrare in questo sistema, perfetto per accogliere le tante donne con figli che arrivano in Italia.
Ovviamente a queste situazioni dovrà essere affiancato un sistema di controllo periodico stringente che preveda il contatto con professionalità dei Servizi sociali e dei mediatori culturali con colloqui frequenti con le famiglie e con gli ospiti.
Noi come Amministrazione continueremo a chiedere a chi decide di prevedere questa possibilità perché crediamo fortemente in un modello di accoglienza che sia strutturale e non emergenziale, sostenibile e non vissuto solo come un’imposizione.

Logo comune

Comune di Camaiore

 

Contatti

Piazza S. Bernardino da Siena, 1
55041 Camaiore (LU)
Centralino: (+39) 05849861
Fax: 0584 986264
Numero Verde: 800 015689
P.IVA 00190560466
PEC (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Numeri Utili

Comune di Camaiore: 800 015689
Polizia Municipale: 0584 986700
Citelum Segnalazione Guasti - Pubblica Illuminazione e semafori: 800 978447
Gaia Segnalazione Guasti - Servizio Idrico: 800 234567
Sea Whatsapp - Segnalazioni e informazioni raccolta rifiuti: 3357192666
Segnalazioni Varchi Zona Traffico Limitato: 800 277332

Seguici su

Seguici su Twitter  Seguici su Facebook  Seguici su YouTube