Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità, nel corso dell’ultima seduta del 2017, il Regolamento per il compostaggio domestico dei rifiuti urbani che disciplina la pratica per le utenze domestiche che scelgono volontariamente questa modalità di smaltimento della frazione organica. Per incentivare i cittadini all’utilizzo del composter è previsto nel regolamento uno sconto del 10% sulla parte variabile della TARI visto che il processo permette di diminuire la quantità di rifiuto smaltito in discarica. Il composter è gratuito e può essere richiesto protocollando il modulo “Domanda assegnazione compostiere domestiche, scaricabile nell’area tematica “Ambiente” del sito comunale. Successivamente si dovrà prenotarne il ritiro, telefonando al numero 0584 986377 e presentarsi all’appuntamento muniti di copia del documento di identità presso la rimessa comunale in via IV Novembre, 70. Si ricorda inoltre che è attivo il servizio di controllo del corretto utilizzo dei composter.

Al 31 dicembre 2017, il numero di composter consegnati era di circa 1630 con un aumento del l’8% negli ultimi dodici mesi. L’utilizzo si è tramutato in un un minor conferimento di rifiuti di circa 1000 tonnellate.

“Si tratta di un piccolo gesto che però fa la differenza - le parole dell’Assessore all’Ambiente Sara Pescaglini - Il compostaggio domestico è un valido supporto per l’obiettivo strategico del contenimento della quantità di rifiuti. Gli uffici comunali sono già al lavoro per mettere a punto un regolamento per le utenze non domestiche così da estendere l’iniziativa a un numero maggiore di fruitori, incidendo in modo significativo sulla quantità di rifiuti che finiscono in discarica”.