Si è da poco conclusa la serata finale del XXXII Premio Letterario Camaiore Francesco Belluomini: la vittoria è andata a Ottavio Rossani con “La luna negli occhi” (Nino Aragno Editore) che iscrive il suo nome nell’ambo d’oro dopo quello di Giovanna Rosadini, trionfatrice delll’edizione 2019. Il responso è arrivato al termine dello spoglio delle schede consegnate a inizio serata dai cinquanta membri della Giuria Popolare, tratto distintivo e fiore all’occhiello di questa manifestazione. 

A contendersi l’edizione 2020, oltre alla vincitrice, gli altri quattro finalisti individuati dalla Giuria Tecnica del Premio: “Spore” di Angelo Gaccione (Interlinea Edizioni), “Consegnati al silenzio” di Paolo Fabrizio Iacuzzi (Bompiani Editore),  “Un giorno senza sera” di Roberto Pazzi (La Nave di Teseo) e “Tutto è sempre ora” di Antonio Prete (Giulio Einaudi Editore).

La serata è stata presentata dal giornalista RAI Alberto Severi e impreziosita dalle letture dell'attrice Alessia Innocenti, interprete delle poesie premiate, indiscusse protagoniste della serata; a fare gli onori di casa, il Sindaco Alessandro Del Dotto, l’Assessore al Turismo Gabriele Baldaccini e la Presidente del Premio Rosanna Lupi, alla testa della Giuria Tecnica formata da Michele Brancale, Corrado Calabrò, Emilio Coco, Vincenzo Guarracino, Paola Lucarini e Renato Minore

Durante la serata finale sono stati consegnati i premi già assegnati dalla Giuria Tecnica e dalla Presidente, a partire dal Premio Internazionale al poeta francese Jean Flaminien per “L’uomo flottante” (Book Editore) e dal Premio Speciale 2020 Ennio Cavalli per “Se ero più alto facevo il poeta” (La Nave di Teseo). Spazio anche per le menzioni speciali, Carlo Marcello Conti per “Attraversato da" (Campanotto Editore), Valeria Di Felice per“Il battente della felicità” (traduzione in arabo) (Diyar Edition) e Franco La Cecla per “La terra negli occhi” (Interno Poesia Editore). Il Camaiore Proposta “Vittorio Grotti”, riservato alle opere prime di autori che non abbiano superato il trentacinquesimo anno di età, verrà consegnato a Gerardo Masuccio per “Fin qui visse un uomo” - Interno Poesia Editore.

IMG0284
IMG0269
IMG0252
IMG0264
IMG0255
IMG0260
IMG0238
IMG0224
IMG0276
IMG0314

Si informa che a seguito dei finanziamenti del FSE 2014 – 2020 e al Programma Operativo Regionale, la Regione Toscana ha emanato un avviso finalizzato a promuovere e sostenere nel territorio regionale della Toscana nell’anno educativo 2020/2021 (settembre 2020 - giugno 2021), l'accoglienza dei bambini nei servizi educativi per la prima infanzia (3-36 mesi) pubblici e privati accreditati di cui al D.P.G.R. 41/r 2013, anche in ottica di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Tale avviso, che vede come beneficiari i nuclei familiari con minori, intende da un lato assicurare le migliori condizioni educative e di socializzazione dei bambini, dall’altro assicurare quelle condizioni necessarie a favorire la partecipazione dei membri responsabili di cura, ed in particolare delle donne, al mercato del lavoro. Il presente avviso regionale rientra nell’ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

I destinatari sono i bambini in età utile per la frequenza di servizi per la prima infanzia in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere residenti in un comune della Toscana;
  • essere collocati in lista di attesa per i servizi a titolarità comunale per l’a.e. 2020-2021 alla data del 15 settembre 2020;
  • Essere iscritto ad un servizio educativo per la prima infanzia (3-36 mesi) privato accreditato che, per l’a. e. 2020/2021, abbia manifestato interesse a partecipare al Bando regionale di cui trattasi;
  • Possedere un ISEE, in corso di validità, per prestazioni agevolate rivolte a minorenni inferiore ad € 50.000,00. L’ammontare dell’ISEE dovrà essere dichiarato nella domanda di partecipazione al progetto regionale.

I genitori dei bambini in lista d’attesa presso i servizi comunali alla prima infanzia possono presentare domanda a partire dal 21 settembre ed entro il 30 settembre 2020 compilando l’apposita domanda di partecipazione all’avviso pubblico (Allegato B) e presentandola all’Ufficio Protocollo del Comune di Camaiore, P.zza San Bernardino 1. L’Ufficio Protocollo è aperto all’utenza dal lunedì al venerdì con orario 8.30-12.30 e lunedì e mercoledì pomeriggio 14.30-17.00. Qualora i genitori dei bambini fossero in possesso di un indirizzo PEC, la medesima documentazione potrà essere inviata all’indirizzo PEC Diese E-Mail-Adresse ist vor Spambots geschützt! Zur Anzeige muss JavaScript eingeschaltet sein!.

Il bando e la domanda di partecipazione sono disponibili sul sito web del Comune (www.comune.camaiore.lu.it) alla pagina dedicata alla Pubblica Istruzione. Alla domanda deve essere allegata copia fotostatica del documento di identità in corso di validità e copia della ricevuta di iscrizione del/della minore al servizio educativo alla prima infanzia privato accreditato, tra i seguenti che hanno manifestato interesse ad aderire all’avviso:

  • Nido d’infanzia “Il Nido di Gigia” (Lido di Camaiore)
  • Nido d’infanzia “L’Alveare” (Capezzano Pianore)
  • Nido d’infanzia “Galatea” (Viareggio)

Il contributo regionale verrà erogato ai servizi educativi privati accreditati e convenzionati con il Comune di Camaiore per l’anno educativo 2020/2021 e consentirà alle famiglie di pagare una tariffa uguale o superiore all’importo massimo della tariffa prevista, a parità di condizioni economiche del richiedente, per la medesima tipologia di servizio a titolarità comunale e per lo stesso orario di frequenza del servizio, usufruendo di un beneficio economico che non potrà superare l’importo mensile di € 370,90 per un massimo di 10 mesi di frequenza (settembre 2020 –giugno 2021). L’attribuzione del contributo economico è subordinata all’effettiva frequenza dei bambini nei servizi e può essere corrisposta alla struttura educativa per intero a fronte di frequenza del minore iscritto, di almeno 5 giorni nell’arco del mese. Qualora il minore dovesse frequentare un numero inferiore di giorni nell’arco del mese di riferimento, il contributo può essere riconosciuto esclusivamente per assenze dovute a malattia certificate dal medico; le assenze per malattia possono essere riconosciute fino ad un massimo di due mensilità, anche non continuative, per tutto l’anno educativo. Può essere previsto un numero di mensilità di frequenza inferiore a 10 esclusivamente nei casi di: a) maturazione dell'età utile per l'accesso ai servizi per la prima infanzia in una data successiva al mese di ottobre; b) accesso ai servizi posticipato per svolgimento di attività di inserimento; c) avvio dell'attività del servizio in una data successiva ad ottobre.

La misura effettiva del contributo da erogare sarà determinata dall’ammontare del budget assegnato dalla Regione Toscana al Comune di Camaiore.

A conclusione dell’istruttoria delle domande pervenute entro i termini previsti dal presente bando l’amministrazione comunale provvederà alla stesura di una graduatoria secondo il punteggio già ottenuto nelle graduatorie per l’accesso ai servizi per la prima infanzia comunali, con priorità ai residenti nel Comune di Camaiore. A parità di punteggio si procederà secondo i criteri stabiliti dal regolamento dei Servizi alla prima infanzia (art. 13), ovvero precederà il bambino più grande d’età.

La famiglia sarà comunque tenuta ad anticipare l’intero importo della retta alla struttura educativa che provvederà in seguito al rimborso.

L’assegnazione del contributo economico comporta la cancellazione dalla lista di attesa comunale e la conseguente perdita dell’anzianità di iscrizione.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti è possibile rivolgersi all’Ufficio Servizi Scolastici (Tel. 0584-986338/986205/986246/986262 E-mail: Diese E-Mail-Adresse ist vor Spambots geschützt! Zur Anzeige muss JavaScript eingeschaltet sein!).

 

Torna, dopo il grande successo della prima uscita lungo la Passeggiata di Lido di Camaiore, lo spettacolo itinerante di maschere, arte e musica a fianco dei popoli della Foresta.
🌿
Il secondo capitolo dell’evento, ideato e realizzato da @COSPE onlus con il patrocinio del Comune di Camaiore, si svolgerà sabato 19 settembre, a partire dalle ore 17.30 nel centro storico della città.
🎭 🥁
Ancora una volta ad animare lo spettacolo sarà la coinvolgente sfilata delle maschere che percorreranno la via Vittorio Emanuele, meglio conosciuta come via di mezzo, accompagnate dai ritmi delle percussioni.
🎨. 💃 🎤
Nelle varie tappe del colorato corteo spazio all’arte a 360° con le performance di pittura, di danza e di recitazione tutte legate al tema della salvaguardia e del sostengo ai popoli della foresta Amazzonica, esposti oggi alla duplice minaccia mortale della deforestazione e dell’epidemia di Coronavirus.
L’evento è a ingresso libero, non è necessaria la prenotazione.

La Giunta comunale di Camaiore, giovedì 17 settembre, ha deliberato, come ente capofila della zona Versilia, la partecipazione alla proposta progettuale di sostegno agli interventi per le azioni di assistenza e sostegno alle donne vittime di violenza secondo quanto espresso dalla delibera di Giunta Regionale n. 828 del 06/07/2020, in collaborazione con l’Associazione “Casa delle Donne - Centro Antiviolenza l’Una per l’Altra” .

Il progetto, il cui scopo vuol esser quello di creare una rete sempre più consolidata e a vari livelli di interventi volti alla fuoriuscita dalla violenza delle donne coinvolte e dei minori presenti, si è reso necessario data l’assenza sul territorio della Versilia una struttura di semi-autonomia e anche di Emergenza h72 per le donne che subiscono violenza.

Il percorso di accoglienza è composto da due fasi, alle quali la donna vittima di violenza può accedere dopo le segnalazione dei Centri Antiviolenza o la presa in carico del Servizio sociale di riferimento.

“Le cronache quotidiane - interviene l’Assessore alle Politiche Sociali Anna Graziani - raccontano sempre più atti di violenza subiti da donne all’interno del proprio nucleo familiare. È necessario intervenire in loro difesa, dotando i centri Antiviolenza degli strumenti adatti per accogliere le donne e fornire loro sostegno e appoggio adeguati, così da emanciparsi dalla situazione di cui sono vittime per intraprendere un nuovo percorso di vita autonoma”.

La Giunta Comunale di Camaiore, questa mattina  giovedì 17 settembre 2020, ha approvato le Agevolazioni TARI per l’anno 2020 riguardanti le utenze domestiche. Verranno confermate le domande di esenzione arrivate lo scorso anno: coloro che lo scorso anno non avevano pagato la tassa, quest’anno non riceveranno nemmeno l’avviso di pagamento.
Per quanto riguarda le riduzioni, relative sempre alla TARI, la fascia massima di reddito ISEE per il 2020 entro la quale sarà possibile ottenerle sarà 12.000€. In questa fascia saranno confermate le stesse agevolazioni dello scorso anno: agli utenti interessati giungeranno agli utenti gli avvisi con la riduzione già effettuata. Coloro che non avevano fatto domanda lo scorso anno, potranno fare richiesta di agevolazione entro il 30 novembre 2020 secondo il modello che troveranno sul sito del Comune.

L’Amministrazione, inoltre, ha aumentato lo stanziamento complessivo di 50.000€, portandolo a 230.000€, così da poter includere anche coloro che hanno riscontrato difficoltà economiche a causa dell’emergenza legata al COVID-19: gli utenti interessati potranno inoltrare la domanda compilando l’apposito modulo che verrà in questo caso verificato dai Servizi Sociali del Comune di Camaiore.
Il modulo sarà scaricabile dal sito dell’ente e potrà essere presentato secondo le consuete modalità, ovvero tramite PEC, tramite raccomandata o a mano presso l’Ufficio Protocollo.

Anche le utenze non domestiche riceveranno gli avvisi di pagamento TARI già decurtati degli importi delle agevolazioni approvate dal Consiglio Comunale, cioè il 30% della parte variabile della tassa per le attività annuali e il 13% per quelle a carattere stagionale.

“L’Amministrazione comunale - dichiara l’Assessore alla Programmazione Economica e Finanziaria Marco Mecchi -  come sempre, cerca di venire incontro alle esigenze delle fasce più deboli della popolazione evitando di far gravare la tassa sui rifiuti solidi urbani. Anche quest’anno siamo riusciti a finanziare queste agevolazioni, incrementando il fondo dedicato. Importante, quest’anno, la decisione di evitare la notifica dell’avviso agli esenti e di far arrivare gli importi già dedotti delle riduzioni stabilite”.

La Giunta ha inoltre approvato un aumento di 40.000€ dello stanziamento destinato all’inserimento degli anziani nelle strutture assistite dedicate, portando il fondo a 380.000€. Altrettanto è stato fatto per il fondo destinato all’inserimento di disabili in apposite strutture, con un incremento di 22.471€, arrivando così a uno stanziamento totale di 217.471€.

“È sempre alta l’attenzione che dedichiamo alle fasce più deboli della popolazione - dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali Anna Graziani - Anche i provvedimenti che abbiamo adottato questa mattina mirano a sostenere sia le famiglie che già si trovano in difficoltà sia coloro che in difficoltà si sono ritrovati a causa della pandemia in corso. Restiamo comunque vigili sulla situazione, così che nessuno possa essere lasciato solo in un momento difficoltoso”

Unterkategorien

Touristeninformationsbüro Öffnungszeiten
Toggle Bar