Il Consiglio Comunale di Camaiore ha votato all'unanimità in merito al conferimento della cittadinanza onoraria alla Senatrice a vita Liliana Segre per "l’opera di testimonianza e mantenimento della memoria della Shoah, di cui fu vittima, e per l’impegno per i diritti umani e per la battaglia contro l’indifferenza". A seguito della proposta del maggio scorso firmata dal Sindaco Alessandro del Dotto, dal Presidente del Consiglio Comunale Andrea Favilla e dai capigruppo di maggioranza Iacopo Menchetti e Marco Lunardelli, la proposta è stata prima portata all’attenzione della Conferenza dei Capigruppo e successivamente votata all’unanimità nella competente commissione consiliare permanente. Il Consiglio Comunale si è espresso, nella seduta di ieri 27 novembre 2019, interpretando il sentimento della popolazione camaiorese in quanto "la sua storia, la sua esperienza, le sue azioni di alto valore a vantaggio della Nazione e dell’Umanità intera contro l’indifferenza della gente, che oggi come allora rischia di metterci davanti a violazioni dei diritti umani, sono le giuste ragioni per ritenere la senatrice Liliana Segre parte integrante della nostra comunità".

Nella delibera si rende omaggio all’impegno pubblico della Senatrice Segre nel promuovere campagne a favore dei diritti umani e di sensibilizzazione contro il razzismo e la recrudescenza dell’antisemitismo.

“Sono orgoglioso che la cittadinanza onoraria abbia trovato un’ampia condivisione tra tutte le forze politiche. La votazione dell’aula conclude un lungo lavoro che ha visto coinvolti a vario titolo i Capigruppo, la II Commissione Consiliare e infine i consiglieri che hanno sostenuto con convinzione l’iniziativa: ringrazio tutti per il risultato e mi auguro che presto si possa organizzare una cerimonia di conferimento per la Senatrice Segre, a cui rinnoviamo il nostro invito”, le parole del Presidente del Consiglio Comunale Andrea Favilla.

“Liliana Segre è il simbolo di valori sanciti dalla nostra Costituzione come la lotta contro la barbarie e la violenza e il riconoscimento di uguaglianza e giustizia sociale; un simbolo che il Presidente della Repubblica Mattarella ha inteso innalzare con la nomina a Senatrice a vita. Questi valori non sono e non debbono essere terreno di scontro politico perché alla base del nostro ordinamento e della comunità che rappresento”, il commento del Sindaco Alessandro Del Dotto.

Ufficio informazioni turistiche Orario di apertura
Toggle Bar