L’Amministrazione Comunale deve procedere a urgenti interventi sul filare di tigli di via Tabarrani/via della Muretta: dovranno essere abbattuti dieci alberi che presentano rischio massimo di caduta.

Il filare storico è costituito da 37 tigli. Dopo un’approfondita relazione agronomica, seguita dal Dottor Marco Bianchi e dalla Dottoressa Claudia Canigiani e commissionata dall’Amministrazione per valutare lo stato delle piante, è tristemente emerso che 10 di questi alberi sono stati inseriti in classe di propensione al cedimento “D”, che corrisponde al livello più alto di pericolosità e ne prescrive quindi l'abbattimento. In particolare, si procederà all’abbattimento urgente di uno di questi alberi (segnato come n.33, posizionato all’incrocio tra via Tabarrani e via Badia), con l’intervento che verrà eseguito lunedì prossimo. Per gli altri 9 è in predisposizione il progetto da mandare in Soprintendenza in quanto si tratta di filare storico: è verosimile ed auspicabile che tali abbattimenti verranno eseguiti entro la fine dell’anno (dipenderà dai tempi per ricevere l’autorizzazione dall’ente preposto).

I 10 alberi che verranno abbattuti saranno sostituiti con 7 tigli (e quindi non 10) per permetterne il posizionamento con un sesto di impianto più adeguato ad un migliore sviluppo sia delle radici che della chioma, prevenendo maggiormente future complicazioni dovute alla loro stabilità. I 3 alberi “mancanti” verranno piantumati in altro luogo, comunque nel perimetro di Camaiore capoluogo. L'obiettivo è quello di provvedere gradualmente alla riqualificazione del filare in modo da conservare la prospettiva paesaggistica circostante, dato che si tratta di un elemento storico del centro di Camaiore.

Contemporaneamente, per i restanti 27 tigli (18 inseriti in classe C e 9 in classe C/D), si procederà ad una consistente potatura per cercare di abbattere i rischi esistenti dovuti alle degradazioni. 

L’Amministrazione Comunale, in ogni caso, annuncia che verrà fatto un passaggio conoscitivo con le associazioni ambientalistiche del territorio per esporre loro l’iter progettuale.

“Un intervento necessario dovuto tanto allo stato degli alberi quanto al luogo dove essi sono ubicati – commenta l’Assessore ai Lavori Pubblici Graziano Dalle Luche -. Il filare è prospiciente ad una viabilità molto frequentata, ad una scuola e ad un parcheggio pubblico che conta tanti posti auto. È quindi assolutamente indispensabile procedere agli abbattimenti e alle potature prescritte per minimizzare il rischio di caduta e tutelare l’incolumità pubblica”.

“È sempre triste dover abbattere alberi, soprattutto se storici e ormai inseriti nell’immaginario paesaggistico camaiorese – commenta il Sindaco Marcello Pierucci -. L’Amministrazione Comunale, però, non può permettere che esista un rischio tanto elevato e pregiudizievole per la sicurezza dei cittadini, considerando anche la frequentazione dei bambini data la presenza di una scuola nelle immediate vicinanze. È nostro dovere muoverci prima possibile per disinnescare quelle che a tutti gli effetti sono bombe ad orologeria sulla testa di tutta la comunità”.

La strettoia di via Radicchi a Camaiore presto sarà soltanto un brutto ricordo. Il nuovo Piano Operativo di Camaiore comincia a dare risposte importanti alla cittadinanza: la Giunta Comunale ha approvato in via definitiva il progetto di allargamento stradale della strettoia, tratto della via che scende da Montebello, che negli anni ha causato non pochi problemi tra ingorghi, rallentamenti nelle operazioni di soccorso e danneggiamenti a veicoli. 

Nella strettoia, la carreggiata ad oggi arriva a restringersi fino a 2,45 metri, con un fabbricato residenziale (posto sulla sinistra percorrendo la strada, che è a senso unico) non protetto da vincoli che insiste sul tratto interessato. L’intervento che verrà effettuato consisterà nell’esproprio e successiva demolizione del fabbricato, oggetto d’ingombro al transito, e la conseguente riqualificazione e allargamento della sede stradale, oltre ad un sostanziale miglioramento del sistema di raccolta delle acque piovane ed altri piccoli lavori di perfezionamento.

A seguito dell’intervento, la nuova carreggiata, nel suo punto più stretto, passerà dagli attuali 2,50 metri a circa 4 metri,  La difficoltosa e problematica strettoia lascerà spazio ad una viabilità molto più scorrevole, percorribile in facilità e sicurezza.

Il progetto è curato dal responsabile del procedimento Geom. Davide Dini, dal Geometra Stefano Francesconi (direttore dei lavori) e dall’Architetto Giulia Francesconi (parte grafica).

I lavori, che verranno seguiti dall’Assessore ai Lavori Pubblici Graziano Dalle Luche, saranno realizzati in un unico lotto, con un investimento pari a 137 mila euro.

“Un intervento fondamentale per la vivibilità della zona: si tratta di una viabilità molto utilizzata e di raccordo con tante delle nostre realtà collinari – commenta l’Assessore ai Lavori Pubblici Graziano Dalle Luche -. Ci prepariamo ad accogliere un intervento cruciale che darà risposte importanti a tutta la comunità: un investimento relativamente piccolo per risolvere un grande disagio”. 

“Abbiamo spesso detto che l’entrata in vigore del nuovo Piano Operativo avrebbe spalancato le porte per lavori cruciali per il nostro territorio: questa, in piccolo, ne è la prova – dichiara il Sindaco Marcello Pierucci . La strettoia di via Radicchi rappresenta un problema storico, che esiste da decenni e che ha sempre portato disagio e pericolosità. Con questo intervento, risolviamo questa problematica una volta per tutte, rispondendo alle esigenze della popolazione”.

 

Dopo poco più di cento giorni dall’insediamento della nuova Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Pierucci, al via i lavori di messa in sicurezza e riqualificazione della via Sarzanese a Capezzano Pianore. Da lunedì 3 ottobre partirà la cantierizzazione del primo lotto di lavori, che interesserà il tratto della Sarzanese compreso tra il Cimitero e via Pennelle, dove verrà proseguito il marciapiede che, a seguito della riqualificazione degli anni scorsi, ad oggi si interrompe nei pressi del Camposanto.

I lavori comprendono la realizzazione di un marciapiede rettilineo lato monte - rialzato di circa 15 cm – piacevole e sicuro, lo spostamento di pozzetti e caditoie (ove necessario), la realizzazione di nuove canalette di scolo, l'installazione di un nuovo impianto di illuminazione pubblica, un nuovo attraversamento pedonale nei pressi del Cimitero e la regolarizzazione dei margini stradali, nonché l’allargamento (e miglioramento della visibilità) dell’accesso alle strade che presentano intersezioni con la Sarzanese (Via XII Agosto, via dell’Acquarella, via Nostra Signora, Via Pennello stessa). Un ulteriore tratto di marciapiede verrà realizzato lato mare nel tratto compreso tra via XII Agosto e il Cimitero. 

Un intervento che è il meno invasivo possibile sotto il profilo ambientale e presenta ottima durabilità nei materiali utilizzati. Il percorso pedonale andrà a ricreare percorribilità, accessibilità e vivibilità a questa zona, ad oggi preclusa dalla mancanza di sicurezza, collegando il centro urbano con la zona dell’Acquarella, la zona di Villa Le Pianore e il cimitero.

La pavimentazione del marciapiede, in un primo tratto (Cimitero – Via dell’Acquarella), proseguirà con l'utilizzo del porfido, ovvero il materiale del marciapiede preesistente nella zona del Cimitero. Nel tratto via dell’Acqurella – via Pennelle, invece, vedrà l’utilizzo di materiali autobloccanti, così da diversificare l’area urbana da quella extraurbana.

I lavori che inizieranno lunedì rappresentano il primo dei due lotti che porteranno alla completa messa in sicurezza della viabilità: il secondo lotto, previsto per il 2023 – la cui progettazione e i percorsi di esproprio sono già nella loro fase finale – darà seguito alla realizzazione del marciapiede fino all’intersezione con Via Pennelle lato zona Dogana. Parallelamente a questo secondo lotto, partirà anche la realizzazione di un parcheggio nel boschetto presente subito dopo l’area commerciale (nel triangolo tra la Sarzanese, la rotonda e la via per Monteggiori), reso ora possibile dall’entrata in vigore del nuovo Piano Operativo.

L’obiettivo di mandato, infatti, è quello di arrivare a mettere in totale sicurezza il Centro Commerciale Naturale creatosi nell’area della Dogana, con la pedonalizzazione della zona lato monte, dove adesso le macchine possono parcheggiare, limitando la visibilità.

Durante i lavori, la viabilità della Sarzanese sarà a senso unico alternato. A fine cantiere, via Pennelle (nel tratto via Sarzanese – via San Michele Arcangelo) sarà resa a senso unico con accesso consentito solo dalla Sarzanese.

L’opera va a risolvere un annoso problema della frazione di Capezzano Pianore, che da tanto tempo presenta un alto rischio nella percorribilità della Sarzanese. Un intervento, quindi, importante sia dal punto di vista strategico che economico: l’importo complessivo di questo primo lotto ammonta a 300mila euro. I lavori saranno seguiti direttamente dall’Assessore ai Lavori Pubblici Graziano Dalle Luche e dal Consigliere Delegato Alberto Iacomini, (che ha, appunto, la specifica delega a progetto sulla messa in sicurezza della Sarzanese), che nei mesi scorsi hanno già collaborato nella progettazione.
 
“Dopo poco più di cento giorni dall’inizio del mandato, ecco arrivare la prima opera pubblica importante e strategica per il territorio, che era anche punto cardine del nostro programma elettorale – ha dichiarato il Sindaco Pierucci -. Una promessa con gli elettori mantenuta e portata a compimento, così come faremo con la Pista Ciclabile a Lido di Camaiore e con tante altre opere. Al primo appuntamento, ci siamo fatti trovare pronti”.

“Un intervento strategico che ha visto l’Amministrazione Comunale lavorare duramente per la sua realizzazione – commenta l’Assessore ai Lavori Pubblici Dalle Luche -. Il cantiere genererà forse qualche disagio alla viabilità, con l’istituzione del senso unico alternato. Chiediamo ai cittadini un po’ di pazienza: siamo sicuri che i lavori miglioreranno la quotidianità e la fruibilità di tutta Capezzano”.

Nuovo tetto per l’ex scuola di Montemagno. La Giunta Comunale ha approvato il progetto definitivo per il completo rifacimento della copertura dell’edificio, ad oggi adibito non più ad usi scolastici, ma a sede del centro civico paesano.

L'immobile è diventato perciò un punto di riferimento per tutta la comunità di Montemagno, ma le condizioni ormai vetuste ne pregiudicano l’utilizzo in sicurezza: il tetto ha subito nel tempo un lento crollo localizzato, con versamenti di acqua che hanno peggiorato le condizioni statiche del solaio.

L’Amministrazione, perciò, si è mobilitata per redigere un progetto con lo scopo di ripristinarne l’integrità ed eliminare le cause di un ulteriore degrado, sicuro in caso di mancato intervento.

Con questi lavori, l’attuale copertura verrà demolita, realizzandone una con struttura portante in acciaio. Rimarrà l’aspetto estetico attuale, risalente al 1839 e quindi protetto da vincoli: i travicelli a gronda saranno visibilmente uguali all’originale, conservando l’esteriorità dell’ex scuola, ormai parte integrante nel paesaggio e nella memoria collettiva del territorio e della comunità. 

Un intervento che si colloca in un ampio progetto di ristrutturazione di edifici comunali, come quelli già effettuati per l’ex Scuola di Valpormaro e l’ex Casa del Custode di Villa Murabito a Casoli, che, una volta rimessi a nuovo, sono stati riconsegnati al paese per attività aggregative e di comunità.

Il progetto, deliberato dalla Giunta nella sua versione definitiva, andrà a gara nei prossimi giorni. L’investimento totale ammonta a 220mila euro.

“Un intervento necessario e fortemente voluto dall’Amministrazione, che permetterà alla collettività di continuare a fruire di quello storico e importante immobile, centrale nella vita quotidiana di paese, in sicurezza e senza rischio di ulteriori danni alla struttura – commenta l’Assessore ai Lavori Pubblici Graziano Dalle Luche -. Si tratta di un luogo fondamentale per le attività comunitarie di ritrovo e vogliamo che tale vocazione continui e si rafforzi nel tempo. Considerando i tempi di gara, i lavori inizieranno verosimilmente ad inizio 2023. Il progetto, inoltre, vuole davvero valorizzare la struttura in ottica futura e investire sulla sua sostenibilità: sarà infatti realizzata anche la predisposizione per un prossimo intervento di installazione di pannelli solari”.

Sei nuove telecamere lungo la Passeggiata di Lido di Camaiore per contrastare l’abusivismo commerciale. Il Comune di Camaiore si prepara ad installare nuovi strumenti di controllo, prevenzione e contrasto ad attività di vendita illecita e abusiva, inserito nel progetto ministeriale “Spiagge Sicure” per la sicurezza urbana.

Una stoccata importante alla vendita di prodotti contraffatti, comune nel periodi estivo, che consta non solo di sei nuovi dispositivi di videosorveglianza, ma anche di un’intensificazione del servizio di Polizia Amministrativa e Commerciale sul nostro litorale.

L’intervento interesserà luoghi nevralgici e strategici del lungomare lidese:

- due telecamere sopra la Galleria Europa (una lato Viareggio, una lato Pietrasanta);

- due telecamere al Pontile (una all’inizio e una davanti);

- due telecamere all’altezza del Bar Sirena (una lato Viareggio, una lato Pietrasanta).

L’investimento totale, con il progetto comunale favorevolmente accolto e finanziato dal Ministero dell’Interno (comprendente fornitura, posa e allaccio dei dispositivi, oltre che un nuovo terminale di controllo in dotazione alla P.M.), è pari a 35mila euro.

“Continui passi in avanti per l’implementazione dei servizi di controllo e sorveglianza del territorio – commenta l’Assessore Graziano Dalle Luche -. Queste sei nuove telecamere copriranno un zona di Passeggiata fortemente soggetta a fenomeni di abusivismo commerciale, sia sulla spiaggia che sulla Passeggiata. Una forma di sicurezza in più e con una veloce ricezione dei dati, fondamentale per verificare eventuali illeciti e procedere velocemente alla sanzione”.

Logo comune

Comune di Camaiore

 

Contatti

Piazza S. Bernardino da Siena, 1
55041 Camaiore (LU)
Centralino: (+39) 05849861
Fax: 0584 986264
Numero Verde: 800 015689
P.IVA 00190560466
PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Segnalazioni URP:
0584986202
0584986259
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Numeri Utili

Comune di Camaiore: 800 015689
Servizio Whatsapp Comune di Camaiore:
+39 328 9893221 - Iscriviti - Cancellati
Polizia Municipale: 0584 986700
Citelum Segnalazione Guasti - Pubblica Illuminazione e semafori: 800 978447
Gaia Segnalazione Guasti - Servizio Idrico:
800 234567
Numero Verde ERSU 800 942540
sitoweb: www.ersu.it
Segnalazioni Varchi Zona Traffico Limitato:
800 277332
Servizio RadioTaxi: 0584 986986