"IL SEDUTTORE" AL TEATRO DELL'OLIVO

Quarto appuntamento con la stagione del Teatro dell’Olivo con “Il seduttore”, scritta di Diego Fabbri per la regia Alessio Pizzach in scena giovedì 18 gennaio alle ore 21. Sul palcoscenico volti noti al grande pubblico come Roberto Alpi, Laura Lattuada, Agnese Nano e Isabel Russinova.

“Il seduttore” è un’opera di Diego Fabbri scritta nel 1951 e appartenente al gruppo delle commedie, a differenza degli altri suoi scritti teatrali (circa quaranta) appartenenti a drammi religiosi, morali e della coscienza. Nel 1954 il regista Franco Rossi ne fece un film con protagonista Alberto Sordi. Eugenio (interpretato da Roberto Alpi), il seduttore del titolo, gestisce un’agenzia di viaggi ed è sposato con Norma (Isabel Russinova), ma intrattiene due relazioni extraconiugali: la prima con Wilma (Laura Lattuada), la seconda con Alina (Agnese Nano), segretaria presso l’agenzia. Tre donne, tre luoghi e tre modi di vivere una relazione sentimentale totalmente differenti. Norma è alla ricerca di un amore fedele, ma insegue qualcosa che ormai è finito; Wilma è impegnata in una guerra costante e radicale con Eugenio in cui carne e sensualità diventano privilegiato campo di battaglia; infi ne Alina, proiettata in un sogno di fuga dalla realtà, in un gioco di emozioni eccitante e leggero. Comprendiamo dal procedere della pièce che la storia di Eugenio “il seduttore” è legata, seppure indirettamente, alla perdita del figlio avuto da Norma, la cui presenza in scena è restituita dall’immagine di una bicicletta e dal suono ostinato del suo campanello. Da questa trama di tradimenti si dipana una serie di situazioni in cui Eugenio scivola ripetutamente tra Wilma, Alina e Norma, promettendo a ognuna amore sincero e viaggi lontani in geografi e a dir poco immaginarie. Con perfido cinismo fa in modo che le tre donne si incontrino in un Caffè, imbastendo un gioco rocambolesco di equivoci e situazioni tragicomiche. Il tutto per divertirsi nel vederle parlare assieme, inconsapevoli, dello stesso uomo. L’epilogo è sorprendente...

Per acquistare i biglietti

Ticket point ufficiale presso la Cartoleria L’Arcobaleno  (via Vittorio Emanuele 228, nelle vicinanze del teatro - telefono 0584 981771; orario lunedì - sabato 8:30 - 12:30 e 15:30 - 19:30, 21.00 nelle sere di recita; provvisto di POS);

Online: https://www.boxol.it/it/event/il-seduttore/233194
Circuito BoxOffice (punti vendita presenti in tutta la Toscana, call-center 055.210804).

STAGIONE TEATRALE 2017-2018

Il Teatro dell’Olivo di Camaiore si prepara ad accogliere la nuova stagione, confermandosi un riferimento culturale importante per lo spettacolo dal vivo in Versilia. Classico e contemporaneo, tradizione e nuovi linguaggi: sono le linee guida del cartellone 2017-2018, studiato per rispondere alla crescente domanda di spettacolo dal vivo. Grazie alla consolidata collaborazione fra Fondazione Toscana Spettacolo onlus e il Comune di Camaiore anche quest’anno sarà presentato un programma di ampio respiro con protagonisti affermati, tra i quali Tullio Solenghi, Veronica Pivetti, Amanda Sandrelli, Sergio Muniz, Lucia Poli, Milena Vukotic, Alice Spisa, Ascanio Celestini e Roberto Alpi.
Si confermano dieci appuntamenti che propongono omaggi e riletture (Sorelle Materassi dal romanzo di Palazzeschi; Decameron da Boccaccio; il richiamo a Pirandello con Pupi Siamo), riflessioni sul tema dell’amore (Il seduttore di Diego Fabbri, Viktor&Viktoria dal film di Schunzel, del 1933, Cuori Scatenati con Sergio Muniz), e ancora la novità del “narratore di vite dimenticate” Ascanio Celestini (Pueblo) e lo spettacolo finalista di In-Box, Scarabocchi.

Segui la pagina Facebook ufficiale del Teatro dell'Olivo

BIGLIETTI

Vendita biglietti
due ore prima dell’inizio degli spettacoli presso Cartolibreria L’Arcobaleno via Vittorio Emanuele 228 Camaiore (nelle adiacenze del teatro) tel. 0584 981771

Prevendita biglietti
Cartolibreria L’Arcobaleno
circuito box office www.boxol.it - info 055 210804

Prezzi biglietti
platea e palchi centrali
intero € 21 / ridotto € 18
palchi laterali e loggione
intero € 14 / ridotto € 12
spettacolo fuori abbonamento €5

riduzioni
studenti, under 25, over 65, soci Coop

IL CARTELLONE
*tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.00

sabato 18 novembre
Lucia Poli e Milena Vukotic con Marilù Prati
SORELLE MATERASSI
libero adattamento di Ugo Chiti 
dal romanzo di Aldo Palazzeschi edito da Mondadori Libri
con Gabriele Anagni, Sandra Garuglieri, Luca Mandarini, Roberta Lucca
regia Geppy Gleijeses
produzione Gitiesse Artisti Riuniti/Quantum s.r.l.

giovedì 14 dicembre
Alice Spisa, Andrea Bruno Savelli, Valentina Chico, Gianluigi Fogacci
IO CI SONO
dall'omonimo romanzo di Lucia Annibali e Giusi Fasano edito da Rizzoli
riduzione e adattamento Andrea Bruno Savelli
regia Andrea Bruno Savelli
produzione Teatrodante Carlo Monni/Teatro e Società

giovedì 11 gennaio 2018
Ascanio Celestini, Gianluca Casadei
Pueblo
storia provvisoria di un giorno di pioggia 

studio per uno spettacolo di Ascanio Celestini
suono Andrea Pesce
produzione Fabrica srl

giovedì 18 gennaio 2018
Roberto Alpi, Laura Lattuada, Agnese Nano, Isabel Russinova
IL SEDUTTORE
di Diego Fabbri:
regia di Alessio Pizzech
produzione Laros

mercoledì 7 febbraio 2018
PUPI SIAMO viaggio buffo in cerca di Pirandello
un progetto di Gianfranco Quero
con Marco Natalucci e Gianfranco Quero
musiche di Katia Pesti
regia di Gianfranco Pedullà
produzione Teatro Popolare d’Arte

venerdì 16 febbraio 2018
Progetto In-Box – spettacolo fuori abbonamento
Lo spettacolo è gratuito per gli abbonati alla stagione
SCARABOCCHI
di maicol&mirco
con Meri Bracalente, Sergio Licatalosi, Fernando Micucci
scenografie Cifone
musiche Maestro MAT64
drammaturgia e regia Andrea Fazzini
produzione Teatro Rebis e maicol&mirco

martedì 27 febbraio 2018
Tullio Solenghi 
DECAMERON. UN RACCONTO ITALIANO IN TEMPO DI PESTE
con il Patrocinio dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio
progetto e regia di Sergio Maifredi
in collaborazione con Gian Luca Favetto
consulente letterario Maurizio Fiorilla
produzione Teatro Pubblico Ligure 

Venerdì 9 marzo 2018
VIKTOR E VIKTORIA
commedia con musiche 
liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schunzel
versione originale Giovanna Gra
con Veronica Pivetti
regia Emanuele Gamba
produzione a.ArtistiAssociati/PIGRAsrl

lunedì 19 marzo 2018
CUORI SCATENATI
di Diego Ruiz
con Sergio Muniz, Diego Ruiz, Francesca Nunzi e Maria Lauria 
regia Diego Ruiz
produzione MenteComica

domenica 8 aprile 2018
VIVO IN UNA GIUNGLA, DORMO SULLE SPINE
testo e regia di Laura Sicignano
scritto in collaborazione con Shahzeb Iqbal
con Amanda Sandrelli
produzione Teatro delle Donne/Teatro Cargo

 

EVENTI ISTITUZIONALI

venerdì 8 dicembre 2017 - ore 16.00
Filarmonica Giacomo Puccini di Camaiore
GRAN CONCERTO AUGURALE
ingresso libero fino ad esaurimento posti

sabato 16 dicembre 2017 - ore 21.00
Comitato Palio dei Rioni Camaiore
FESTIVAL CANORO DEL PALIO DEI RIONI

venerdì 22 dicembre 2017 - ore 21.00
Comune di Camaiore
FESTA DEL COMUNE - ANDREA GARIBALDI TRIO IN CONCERTO
ingresso libero fino ad esaurimento posti

lunedì 01 gennaio 2018 - ore 16.00 e ore 21.00
Orchestra Filarmonica Don Angelo Bevilacqua
CONCERTO DI CAPODANNO
ingresso libero fino ad esaurimento posti

teatroLa storia del Teatro dell'Olivo

Il Teatro dell´Olivo sorge nel luogo che un tempo ospitava un tiratoio della lana; costruito nel corso del ‘500, il tiratoio fallì e il suo proprietario fuggì dalla città.

Nel 1649 l’Accademia dei Deboli, una associazione formata da un gruppo di cittadini di Camaiore, chiese di riaprire l’edificio, in modo che potesse ospitare commedie e altre rappresentazioni sceniche. A partire dal 1720 furono fatti alcuni interventi sull’edificio: vennero costruiti i primi palchetti e fu realizzato il paco; nel 1753 furono aggiunti 12 palchetti nel primo ordine e 5 nel secondo ordine.

Ma il momento di vera rinascita per il teatro fu il 1772, in occasione della nascita della Compagnia del Teatro dell’Olivo, che così spiega i propri intenti e scopi: “Scegliendo noi un ramoscello carico di Olive per simbolo della società in perpetuo fissare ad oggetto di formare e conservare un buon teatro, e una buona comica, di adombrar pretesimo due gran motivi da quali ebbemo il più forte impulso ad accingerci ad una così ardua impresa. Il prezioso sugo di queste frutte benefiche, o cambiato in balsamo o usato in condimento rinvigorisce le Membra; e per lui si rischiarano i luoghi più tenebrosi delle notturne fiammelle, alle quali serve di nutrimento.

Concorrendo i nostri Popolani a godere i pubblici spettacoli, i quali noi colla possibil convenienza daremo in Teatro, e obbligati quivi a mischiarsi e trattarsi scambievolmente, a divertirsi insieme, a sentirsi mossi da medesimi affetti, o disuniti si uniranno, o uniti sempre più si rassoderanno nella buona corrispondenza: mentre amore la più nobile e delicata tra le Passioni umane, non più fatto e più soave fa sentirsi al cuore d’allor quando vien esso inondato e ammollito dal genial Piacere. Ed ecco il primo benefizio. Che se poi abbiamo riguardo allo splendor della Patria ci lusinghiamo che i nostri Progetti gioveranno non poco ad accrescerlo.

E non è egli vero che una bene accostumata e ben esercitata Gioventù suole in gran parte costituire questo splendore? E qual cosa tanto contribuisce a ben formare lo spirito de Giovani quanto l’uso e l’esercizio Teatrale? Per esso si acquista da loro concretezza di spirito e buona maniera , facilità di discorso e scioltezza di membra, aborrimento a vizi i quali si vedon puniti, stima per le virtù le quali si osservan premiate, e mille e mille altre ottime parti. Ed ecco il secondo beneficio Piaccia a Dio che i nostri disegni abbiano il suo effetto mentre noi per dare a loro ogni possibile fondamento passiamo a fissare i seguenti articoli da osservarsi in perpetuo dalla nostra Società e vogliamo in primo luogo. Che detta società istituita sotto gli auspici della Serenissima Repubblica di Lucca abbia per Impresa un ramoscello carico di Olive col motto Corroborant, Lucent”.

Una serie di lavori portarono la struttura ad una conformazione molto vicina a quella attuale. Nel 1880 fu aggiunta una terza fila di palchetti, che è stata soppressa nel 1920, e fu costruito il loggione, poi trasformato nell’attuale galleria. Nel 1927 furono eseguiti i decori del soffitto ad opera di Dino Spelta, pittore camaiorese. Dal 1930 al 1942 l’edificio divenne un cinema teatro; fu chiuso nel 1944, in seguito allo scoppio di alcune mine all’interno dell’edificio, che causarono molti danni. Aperto nuovamente per un breve periodo, fu definitivamente chiuso nel 1955.

Dopo una serie di lavori di ristrutturazione, il Teatro dell’Olivo è stato riaperto ai cittadini nel 2003.

 

Logo comune

Comune di Camaiore

 

Contatti

Piazza S. Bernardino da Siena, 1
55041 Camaiore (LU)
Centralino: (+39) 05849861
Fax: 0584 986264
Numero Verde: 800 015689
P.IVA 00190560466
PEC (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Numeri Utili

Comune di Camaiore: 800 015689
Polizia Municipale: 0584 986700
Citelum Segnalazione Guasti - Pubblica Illuminazione e semafori: 800 978447
Gaia Segnalazione Guasti - Servizio Idrico: 800 234567
Sea Whatsapp - Segnalazioni e informazioni raccolta rifiuti: 3357192666
Segnalazioni Varchi Zona Traffico Limitato: 800 277332

Seguici su

Seguici su Twitter  Seguici su Facebook  Seguici su YouTube


 

ATTENZIONE VIGILANZA METEO GIALLO Leggi di più
Toggle Bar