Settore 4 - Gestione del Territorio
 
Dirigente:
Arch. Roberto Lucchesi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Responsabile:
Arch. M.Bonari - SERV.12 Pianificazione Territori
E-mail ufficio: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono : 0584 986605
Fax : 0584 986291
Indirizzo :
P.zza S. Bernardino da Siena, 1
55041 - Camaiore (LU)
 
 
 
Orario Uffici:
per informazioni e ritiro Autorizzazioni Paesaggistiche: VENERDI', h. 9.00 - 13.00   

 

Ferri geom. Leonardo - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -
0584 986647 per informazioni tecniche su Paesaggistiche

Paolinelli Stefano -
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -
0584 986213 per informazioni amministrative su Paesaggistiche
L'ufficio si occupa delle procedure tecnico-amministrative inerenti le Autorizzazioni Paesaggistiche.
Definisce per la parte edilizia tutte le pratiche del Piano Utilizzo Arenili (PUA) e le pratiche che riguardano i lotti liberi (B2).
 

AVVISO PUBBLICO PER IL RINNOVO DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE COMUNALE DEL PAESAGGIO (scadenza 02/01/2018)


ATTIVITA'

Ai sensi dell'art.87 della LR 01/05 l'esercizio delle funzioni relative all’autorizzazione paesaggistica ed in particolare le funzioni di cui agli art 146, 153, 154 sono delegate ai comuni per i territori di competenza per tutti gli interventi che ricadono nelle di interesse paesaggistico aree tutelate per legge dei beni paesaggistici secondo l’elenco indicato nell’art 142 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Normativa di riferimento
 

  1. Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggi
  2. D.P.R. 13.02.2017, n. 31 Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata (G.U. 22 marzo 2017, n.68)
  3. Titolo VI Capo IV LR 65/2015 (artt. 151 - 155) Controllo e gestione dei beni soggetti a tutela paesaggistica

CARTOGRAFIA VINCOLI (collegamento a sito della Regione Toscana)  Regione Toscana - Integrazione del PIT con valenza di Piano Paesaggistico
Cliccare sull'immagine per aprire finestra su REGIONE TOSCANA - GEOSCOPIO

Si informa che  per le domande di autorizzazione paesaggistica e di accertamento di compatibilità paesaggistica dovranno essere utilizzati esclusivamente i moduli presenti sul sito di questo Ente - Ufficio Paesaggistica e dovrà essere prodotta la documentazione ed il numero di copie in essi indicate.

     Poiché tali moduli vengono all'occorrenza aggiornati, si invita gli utenti ad utilizzare solamente quelli scaricati dal sito.
     Non verranno accettate o saranno richieste integrazioni per le domanda presentate in formato diverso.erso.

RICERCA e CONSULTAZIONE pratiche Paesaggistica / Edilizie:  ---> collegamento a RICERCA e CONSULTAZIONE pratiche edilizie


MODULI PAESAGGISTICA:

ALTRI MODULI

NORMATIVA

ELENCHI

ALTRI DOCUMENTI SCARICABILI ---> vedi sezione su questa pagina, in basso: documenti scaricabili


Commissione per il paesaggio

Ai sensi dell'art.89 della LR 01/05 è istituita la commissione paesaggistica composta da due architetti ed un ingegnere per un totale di tre membri le cui sedute si svolgono con continuità (in funzione del carico delle istanze presentate anche settimanalmente)

Autorizzazione paesaggistica ordinaria

I proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili ed aree di interesse paesaggistico, tutelati dalla legge non possono distruggerli, né introdurvi modificazioni e hanno l'obbligo di presentare il progetto degli interventi che intendano intraprendere, compresa l’installazione di cartelli pubblicitari, corredato della prescritta documentazione.
La documentazione a corredo del progetto, preordinata alla verifica della compatibilità fra interesse paesaggistico tutelato ed intervento progettato, è elencata nell’apposito modello scaricabile.
L'autorizzazione paesaggistica conseguita costituisce atto autonomo e presupposto rispetto al permesso di costruire o agli altri titoli legittimanti l'intervento urbanistico-edilizio.
E’ efficace per un periodo di cinque anni, scaduto il quale l'esecuzione dei progettati lavori deve essere sottoposta a nuova autorizzazione. I lavori iniziati nel corso del quinquennio di efficacia dell'autorizzazione possono essere conclusi entro, e non oltre, l'anno successivo la scadenza del quinquennio medesimo.
Fuori dai casi di cui all'articolo 167 l'autorizzazione non può essere rilasciata in sanatoria successivamente alla realizzazione, anche parziale, degli interventi.

Sintesi delle procedure per l'autorizzazione paesaggistica ordinaria

Il servizio ricevuta l'istanza dell'interessato, verifica se l'istanza stessa sia corredata della dovuta documentazione e se necessario richiederà le opportune integrazioni.Entro quaranta giorni dalla ricezione dell'istanza, il servizio effettua gli accertamenti circa la conformità dell'intervento proposto con le prescrizioni contenute nei provvedimenti di dichiarazione di interesse pubblico e nei piani paesaggistici e trasmette al soprintendente la documentazione presentata dall'interessato, accompagnandola con una relazione tecnica illustrativa nonché con una proposta di provvedimento, e dà comunicazione all’interessato dell’inizio del procedimento e dell’avvenuta trasmissione degli atti al soprintendente, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge in materia di procedimento amministrativo.
Il soprintendente rende il parere, entro il termine di quarantacinque giorni dalla ricezione degli atti. Il soprintendente, in caso di parere negativo, comunica agli interessati il preavviso di provvedimento negativo ai sensi dell’art 10 bis della L 241/1990. Entro venti giorni dalla ricezione del parere, l’amministrazione provvede in conformità dello stesso al rilascio dell’autorizzazione paesaggistica.

Decorso inutilmente il termine senza che il soprintendente abbia reso il prescritto parere, può essere indetta una conferenza di servizi, alla quale il soprintendente partecipa o fa pervenire il parere scritto. La conferenza si pronuncia entro il termine perentorio di quindici giorni. In ogni caso, decorsi sessanta giorni dalla ricezione degli atti da parte del soprintendente, l'amministrazione competente provvede sulla domanda di autorizzazione.
Decorso inutilmente il termine indicato all'ultimo periodo del comma 8 senza che l'amministrazione si sia pronunciata, l'interessato può richiedere l'autorizzazione in via sostitutiva alla regione, che vi provvede, anche mediante un commissario ad acta, entro sessanta giorni dal ricevimento della richiesta.

L'autorizzazione paesaggistica è impugnabile, con ricorso al tribunale amministrativo regionale o con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.

Autorizzazione paesaggistica semplificata

Ai sensi del D.P.R. 13 febbraio 2017, n. 31 "Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti  a procedura autorizzatoria semplificata", sono assoggettati a procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica, gli interventi di lieve entità rientranti nell'elenco "Allegato B" al suddetto D.P.R., trascritto nell'apposito modello.

Sintesi delle procedure per l'autorizzazione paesaggistica semplificata.

L'istanza presentata è corredata da una relazione paesaggistica semplificata, redatta da un tecnico abilitato, nelle forme di cui all’Allegato "D” al D.P.R. 31/2017; nella relazione sono indicati i contenuti percettivi della disciplina paesaggistica vigente nell’area, è descritto lo stato attuale dell’area interessata dall’intervento, è attestata la conformità del progetto alle specifiche prescrizioni d’uso dei beni paesaggistici, se esistenti, è descritta la compatibilità del progetto stesso con i valori paesaggistici che qualificano il contenuto di riferimento e sono altresì indicate eventuali misure d’inserimento paesaggistico previste.

Alla presentazione della domanda di autorizzazione paesaggistica semplificata si applicano le vigenti disposizioni in materia di amministrazione digitale.

Il servizio comunica all'interessato l'avvio del procedimento ed eventualmente richiede, dove occorrano, in un’unica volta, entro 10 giorni dal ricevimento dell’istanza, gli ulteriori documenti e chiarimenti strettamente indispensabili, che sono inviati in via telematica entro il termine di 10 giorni dal ricevimento della richiesta. Il procedimento resta sospeso fino alla scadenza del termine assegnato o alla ricezione della documentazione integrativa richiesta. Decorso inutilmente il termine assegnato, l’istanza è dichiarata improcedibile. Entro il termine tassativo di 20 giorni dal ricevimento dell’istanza ovvero, in caso di richiesta d’integrazione documentale, dal ricevimento dell’ulteriore documentazione richiesta, l’Amministrazione procede a trasmettere alla Soprintendenza per via telematica gli atti e i documenti necessari ai fini dell’istruttoria, una motivata proposta di accoglimento, unitamente alla domanda ed alla documentazione in suo possesso. Se anche la valutazione del Sovrintendente è positiva, questi entro il termine tassativo di 20 giorni dal ricevimento della proposta, esprime il proprio parere vincolante, per via telematica, all’Amministrazione procedente, la quale adotta il provvedimento nei 10 giorni successivi.

L'autorizzazione paesaggistica semplificata è immediatamente efficace ed è valida cinque anni.


Accertamento di compatibilità paesaggistica

Fuori dai casi si cui all'art.167 commi 4 e 5 non può essere rilasciata in sanatoria successivamente alla realizzazione, anche parziale, degli interventi.
Sintesi delle procedure per l'accertamento di c.p. e versamento di indennità pecuniaria


Il proprietario presenta domanda per l’accertamento di compatibilità paesaggistica che deve essere definita entro il termine perentorio di centottanta giorni, previo parere vincolante della soprintendenza da rendersi entro il termine perentorio di novanta giorni. Qualora venga accertata la compatibilità paesaggistica, il trasgressore è tenuto al pagamento di una somma equivalente al maggiore importo tra il danno arrecato e il profitto conseguito mediante la trasgressione secondo il metodo stabilito nella DGC n° 219 del 31.05.2005. In caso di rigetto della domanda si applica la sanzione demolitoria.

Applicazione di sanzione alternativa alla demolizione

Fuori dai casi di cui all'art.167 commi 4 e 5 non può essere rilasciata in sanatoria, anche parziale, degli interventi, ma per le opere realizzate prima del 11.05.06 (entrata in vigore del D.Leg. 24.03.06 n°157 che ha modificato l'art.167) CHE HANNO COMPORTATO AUMENTI DI VOLUME O SUPERFICIE viene applicato il regime sanzionatorio in vigore all'epoca della realizzazione dell'abuso e disciplinato dall'allora art. 167 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n° 42 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, ossia l'applicazione di una sanzione alternativa alla demolizione qualora il danno paesaggistico arrecato sia comunque compatibile con il vincolo:

procedura per applicazione di sanzione alternativa alla demolizione:

  1. presentazione di richiesta di applicazione di sanzione in luogo della demolizione su apposito stampato;
  2. l’istanza viene presentata alla commissione paesaggistica che valuta se l’opera può essere sanzionata in quanto il danno paesaggistico arrecato viene comunque ritenuto compatibile con il vincolo o se invece deve essere demolita;
  3. se l’opera viene valutata sanzionabile viene direttamente applicata la sanzione paesaggistica alternativa alla demolizione secondo il metodo stabilito nella DGC n° 219 del 31.05.2005. Se l’opera non viene valutata sanzionabile si applica la sanzione demolitoria.

Piano Utilizzo Arenili  -  P.U.A.

BOZZA ATTO UNILATERALE STABILIMENTI BALNEARI MANUFATTI FACILE ASPORTABILITA'

 

PIANO UTILIZZO ARENILI (P.U.A.)
- Norme tecniche di attuazione e tavole PDFPDF  (doc. completo)
COMUNE DI CAMAIORE - PIANO UTILIZZO ARENILI - PLANIMETRIA

Norme tecniche di attuazione WordWord  - Tavole PDF: 1.0 planimetria2.12.22.3,  2.42.5,  2.62.72.82.93.13.23.33.43.53.6


REGOLAMENTO EDILIZIO:     2011 WordWord,     2010 WordWord,     2007 WordWord,     2003 WordWord,     2002 WordWord,     1999 PDFPDF,     1994 WordWord,     1930 modificato PDFPDF,      1930 PDFPDF

 

P.R.G. vecchi:  Piano paesistico 1960  e  P.R.G. del 1975  "Michelucci" ---> PDF PDF (cartella "ARCHIVIO - P.R.G.vecchi")


Circolari e Pubblicazioni
Documenti Scaricabili

pdf
D.P.R. 13 febbraio 2017, n.31 Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata
pdf
Deliberazione G.M. 28.01.2015 n. 23 "Nomina di tre membri per la Commissione per il paesaggio ai sensi dell'art.153 della L.R. 65/2014"
pdf
ELENCO autorizzazioni paesaggistiche rilasciate

 
 

Logo comune

Comune di Camaiore

 

Contatti

Piazza S. Bernardino da Siena, 1
55041 Camaiore (LU)
Centralino: (+39) 05849861
Fax: 0584 986264
Numero Verde: 800 015689
P.IVA 00190560466
PEC (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Numeri Utili

Comune di Camaiore: 800 015689
Polizia Municipale: 0584 986700
Citelum Segnalazione Guasti - Pubblica Illuminazione e semafori: 800 978447
Gaia Segnalazione Guasti - Servizio Idrico: 800 234567
Sea Whatsapp - Segnalazioni e informazioni raccolta rifiuti: 3357192666
Segnalazioni Varchi Zona Traffico Limitato: 800 277332

Seguici su

Seguici su Twitter  Seguici su Facebook  Seguici su YouTube


 

ATTENZIONE VIGILANZA METEO GIALLO Leggi di più
Toggle Bar