FrancigenAmica 2017

Sabato 16 settembre a Pietrasanta e domenica 17 a Camaiore
appuntamento doppio con l’evento per famiglie,runners, MTB e dog friends
nato per fare sport e riscoprire le tradizioni locali lungo la Via Francigena

Sabato 16 e domenica 17 settembre 2017 torna con un doppio appuntamento la FrancigenAmica, il grande evento ludico-sportivo dedicato alla riscoperta del tratto versiliese della Via Francigena, l’antica via di pellegrinaggio che collega l’Inghilterra a Roma e ha contribuito nei secoli alla nascita dell'odierna cultura europea.

Dopo il grande successo e il boom di presenze della 1° edizione, andata in scena a settembre 2016 a Camaiore, la manifestazione si sdoppia e aggiunge in calendario anche una giornata a Pietrasanta. Nei due giorni di evento si potrà correre una mezza maratona, partecipare ad una ciclopedalata o ad una corsa non competitiva in mountain bike, divertirsi con il proprio amico a quattro zampe e scoprire i suggestivi sentieri, la storia e i segreti della Via Francigena con una divertente Caccia al Tesoro.

La 2° edizione di FrancigenAmica partirà ufficialmente sabato 16 settembre alle 15 da Piazza Duomo a Pietrasanta, dove sarà allestito il primo dei due Villaggi della manifestazione.
Prenderà il via la prima FranciWalk dell’ edizione 2017 alla scoperta delle bellezze del tratto pietrasantino della Via Francigena e della storia della città con la possibilità di scegliere fra uno dei tanti percorsi disponibili.

Per i più atletici e coloro che amano correre la 2° edizione di FranciRun ha in serbo una sorpresa: la corsa cresce e, unendosi a Versilia Half Marathon, diventa una mezza maratona Fidal al tramonto con partenza alle ore 18 da Lido di Camaiore e con in palio ricchi premi.

A seguire presso i locali del Centro Storico di Pietrasanta si terrà il FranciAperitivo e, al calar del sole, prenderà il via la Notte Bianca con musica, intrattenimento e shopping nei negozi aperti fino a tarda sera per l’occasione.

Domenica 17 settembre a Camaiore alle ore 8.30 aprirà il 2° Villaggio FrancigenAmica (zona Incaba Toys Center) dove gli amanti della camminata libera e della corsa non agonistica potranno scegliere tra cinque percorsi di 5, 10, 15, 20 e 25 km, tutti dotati di mappa e con punto ristoro lungo il percorso.

Per gli amici a quattro zampe torna la FranciDog, la passeggiata non competitiva dedicata ai cagnolini, organizzata in collaborazione con veterinari e addestratori specializzati, con percorsi dedicati, giochi, tuffi nel fiume e golosi snack.

Novità anche per gli appassionati di MTB – mountain bike: in arrivo per la 2° FranciBike un percorso ricco di sorprese.


Altra grande new entry dell’edizione 2017 è la Caccia al Tesoro sulla Via Francigena. Potranno partecipare tutti gli iscritti alla FranciWalk. Indizi e tappe saranno nascosti lungo i percorsi della FranciWalk alla ricerca dello scrigno segreto che contiene il ricco Tesoro della FrancigenAmica 2017.

Appuntamento dunque in Versilia il 16 e il 17 settembre con la FrancigenAmica per passare due giorni con famiglia e amici, sia umani che a quattro zampe, riscoprire l’arte, le tradizioni locali, giocare, divertirsi, degustare i prodotti tipici del territorio e conoscere la Via Francigena tramite la mostra fotografica e gli stand a tema dislocati lungo il territorio.
Per informazioni www.francigenamica.com e www.facebook.com/francigenamica.

Dall’8 al 14 marzo ritorna la Corsa dei due mari. Il percorso, in linea con quello degli ultimi anni, prevede due cronometro (squadre e individuale), due tappe per velocisti, due per finisseur e una di montagna con l’arrivo al Terminillo dove nel 2015, sotto la neve, Nairo Quintana conquistò una vittoria spettacolare e mise il sigillo sulla Corsa dei Due Mari.

 

PERCORSO TIRRENO-ADRIATICO 2017

Si inizia con la cronosquadre del Lido di Camaiore, piatta e velocissima con praticamente solo quattro curve (vinta nell’ultima edizione dalla BMC Racing Team); il giorno seguente tappa mista Camaiore-Pomarance con quattro salite lungo il percorso di cui l’ultima si adatta particolarmente ai finisseur. Proprio sullo stesso traguardo, quest’anno, Zdenek Stybar ha battuto il Campione del Mondo, Peter Sagan e Edvald Boasson Hagen. Terza frazione, da Monterotondo Marittimo, molto veloce nella prima e nell’ultima parte con alcune salite intermedie che non dovrebbero impedire il finale in volata a Montalto di Castro. Non più tardi di nove mesi fa sullo stesso arrivo si impose il talento colombiano degli sprint, Fernando Gaviria.

Da Montalto di Castro, sabato 11 marzo, parte la tappa regina con due GPM intermedi e l’arrivo in salita (16 km con pendenza media del 7,3% e massima del 12%) al Terminillo.

 

 

 

Tirreno Adritatico 2017 - Official Promo

Tirreno Adritatico 2017 - Official Promo

Le tappe della Tirreno Adriatico 2017

LA SCARPACCIA CAMAIORESE

questa torta salata è tipica della Versilia..prende il nome dal fatto che una volta cotta,ha lo spessore di una suola di una vecchia scarpa,qualcuno la paragona a una frittata di zucche ma non è proprio cosi tutt’altro anzi è buonissima.

La si può mangiare a pezzetti come antipasto o a volte anche come pasto..particolarmente saporita anche fredda il giorno dopo quindi adatta adatta anche per le scampagnate e pic-nic. Gli ingredienti che si usano sono le zucchine i fiori di zucca, la cipolla, farina, acqua sale, pepe e olio.

LA TORTA DI PEPE CAMAIORESE

Per gli ingredienti che vengono utilizzati, possiamo dire che ha una somiglianza con la torta ferrarese del XVI secolo. Questa torta salata è una specialità della cucina camaiorese e veniva frequentemente servita come pietanza nei giorni di stretta vigilia. La lavorazione, che varia sul territorio di Camaiore, richiede di preparare la sfoglia, impastando la farina con l'olio, acqua, uova, un pizzico di sale. Con questo foglio di pasta ricoprire il fondo e le pareti di uno stampo rotondo, precedentemente ben unto. E' necessario che la pasta debordi dallo stampo di almeno due duta, perchè è con questa parte eccedente che si faranno poi i cosiddetti "PIZZI" a ornamento della torta. Una delle ricette classiche prevede di lessare del riso in quantità proporzionata alla grandezza dello stampo, mescolarlo con un battuto di bieta prelessata a parte e poco prezzemolo, formaggio pecorino grattato, pepe, sale, uova sbattute e sistemare questo impasto nello stampo foderato, avendo cura che non sia più alto di 2 cm e mezzo. Ripiegare la pasta debordante dallo stampo in modo da farla ben sporgere tutto attorno alla torta, come se fossero piccole piramidi "pizzi" appuntiti. Spolverare la superficie della torta con formaggio grattato e cuocere in forno ben caldo fino a completa cottura della pasta sfoglia. Ci vorranno circa 3/4 d'ora.

I TORDELLI CAMAIORESI

E' il piatto più caratteristico della Versilia, esso veniva consumato solo nelle grandi occasioni nelle case contadine, oggi è ancor più radicato perchè tramandato da generazione in generazione.

Una delle ricette di Camaiore, poiché anche in questo caso sono molte le varianti, prevede  300 gr di manzo e maiale, cuocerli nell’olio bollente e tritarli finemente. Dopo la cottura, prendere la fetta di pane ammorbidito nel brodo, due cucchiai di parmigiano ed uno di pecorino, due uova, il mazzetto di foglie di timo, il ciuffo di prezzemolo, una bella grattata di noce moscata, sale, pepe e mescolare tutto fino a quando non sarà amalgamato. Preparare la pasta con 4 uova e una presa di sale. Farla riposare, stenderla e sagomare i tordelli. Lessare e condire con ragù di carne. Formaggio a piacere.

SALUMI TIPICI

Sono molte le salumerie che producono una varietà di salumi tra le quali ci sono anche ricette tipiche come la mortatella e il lardo camaiorese oppure il biroldo che si diversifica come preparazione rispetto ad altri luoghi della Toscana.

IL TRACCIATO FRANCIGENO SUL TERRITORIO DI CAMAIORE

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 1

DA VALDICASTELLO ALLE PIANORE

Descrizione del percorso: inizia dalla via Sarzanese in prossimità della località Baccatoio e raggiunge la chiesa di S. Felicità del secolo XII. Il tracciato segue la strada comunale di Valdicastello e trova sulla destra una deviazione che conduce, con tratto in salita, fino alla località Colle alle Banche sede di un importante ritrovamento di un ripostiglio dell'Età del Bronzo (armi e oggetti di ornamento) nonché termine di confine tra i comuni di Pietrasanta e Camaiore. Il percorso prosegue fino a raggiungere un sentiero che raggiunge la località di  Cannoreto posta dietro il colle del  castello di Rotaio, fatto costruire dal Comune di Lucca nel 1223, si immette quindi sulla via di S. Michele e raggiunge la Villa delle Pianore. La parte più antica della villa è costituita da un edificio di modeste dimensioni, venduto nel 1826 dalla famiglia Orsucci a Maria Teresa di Savoia duchessa di Lucca, che lo adibì a villa. Dal 1878 al 1888 lavorò alla villa l'architetto lucchese Domenico Martini, che, su commissione del Duca Roberto di Borbone, realizzò l'imponente edificio a tre piani La sistemazione del parco è opera dell'architetto e paesaggista Dechamps, estremamente interessante: nella sua vegetazione si mescolano specie autoctone ed esotiche. Nel 1892 alla Villa Le Pianore  vi nacque Zita di Borbone ultima imperatrice d'Austria.

Il percorso storico proveniente da Pietrasanta, lambiva l’antichissima Pievecchia o Pieve di S. Felicità e passando sotto il castello di Rotaio giungeva fino all’attuale via delle Pennelle, per poi probabilmente immettersi sulla via dell’Acquarella.

tratto 1 castello di Rotaio
tratto 1 mappa
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 2

DALLE PIANORE ALLA VIA DEL PEZZIGNO

Descrizione del percorso: dalla Villa Le Pianore il tracciato ufficiale che ricalca quello storico,  prosegue sulla via selciata che nelle mappe del XVII secolo è indicata come “via romana”. Lasciato il tratto selciato la strada  passa non molto lontano dal sito archeologico di età etrusca e romana venuto alla luce in località Acquarella, durante alcuni lavori edili. Le diverse campagne di scavo hanno permesso di riportare alla luce le strutture di una fattoria romana. L’insediamento rurale testimonia diverse fasi di occupazione, dal periodo etrusco (VI–V secolo a.C.), attraverso tutta l'epoca romana, fino all’Altomedievo (VI-VII secolo d.C.). La fattoria di età romana utilizzata tra II-I a.C. e IV-V d.C. conserva intatta l’area di spremitura di un torchio oleario con pavimentazione in “coccio pesto” e vasche per la raccolta e la decantazione dell’olio, uno spazio scoperto in cui sono alloggiati cinque grandi dolia in terracotta per l’immagazzinamento. I reperti rinvenuti comprendono monete, metalli, vetri e recipienti in terracotta importati anche dall’area nord africana. 

Il percorso storico dalla località Acquarella prosegue sulla via della Stretta che in un documento del XIV secolo viene definità “via romeam” che termina in località Pezzigno.

TRATTO 2 fattoria romana acquarella
tratto 2 mappa
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 3

DAL PEZZIGNO A TENERI 

Descrizione del percorso: l'itinerario ufficiale segue la via del  Pezzigno per poi attraversare la via provinciale e si immette sulla via sterrata che segue la sponda sinistra del corso del fiume di Camaiore e raggiunge l'antico Molino Cerù, citato nelle carte archivistiche del XIV secolo. Lambisce quindi il laghetto artificiale di Teneri per poi arrivare il centro di Camaiore. Il tracciato storico (in rosso sulla mappa) prosegue lungo l'attuale via provinciale dove trova sulla destra la Cappella del SS. Crocifisso del XVII secolo, costruita sul luogo dove nel XIV secolo si trovava l'ospedale di S, Lazzaro che precede il contiguo convento Francescano del XVII secolo con annessa chiesa intitolata alla Immacolata Concezione e San Lazzaro.

L'itinerario storico termina nel centro di Camaiore tramite la vecchia provinciale, oggi via Cesare Battisti.

TRATTO 3 chiesa del SS. Crocifisso
tratto 3 mappa
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 4

CAMAIORE CENTRO - BADIA DI CAMAIORE

Descrizione del percorso: il percorso della Francigena nel centro storico segue la via delle Monache (oggi via IV Novembre), che ci conduce fin sulla Piazzetta Diaz, dove si trova la chiesa di S. Michele del XII secolo, nei pressi della quale è stata ritrovata recentemente una piccola chiesa più antica del IX secolo, la cui area divenne nel medioevo area cimiteriale. Di fronte alla chiesa di S. Michele si trova anche un importante museo di Arte Sacra. E qui che nacque il primo villaggio di Camaiore ( XXVII TAPPA del viaggio di Sigeric) lungo la via francigena o romea. L’antico borgo lo troviamo citato nel 984 e nel XIII secolo fu ampliato con un progetto di terranuova e definitivamente incastellato sul finire del XIV secolo. Sulla piazza centrale è invece consigliata una visita alla Chiesa di S. Maria Assunta (Collegiata) del XIII secolo e non lontano da essa, sul versante nord, si trovano i resti della porta S. Pietro o Lombricese oltre che della cinta muraria demolita in gran parte nel XIX secolo che con il suo ampio perimetro di 1470 metri racchiudeva e difendeva il borgo di Camaiore. A circa 300 metri dal centro di Camaiore si trova invece la suggestiva Chiesa della Badia di Camaiore anticamente inclusa nell'area del monastero benedettino di S. Pietro, citato in un documento dell'anno 761. Del monastero si conservano tratti della cinta muraria e del maestoso portone di ingresso oltre alle tracce dell'area chiostrale. All'interno della chiesa, notevoli gli affreschi sulle prime due colonne posti a sinistra dell'entrata che raffigurano S. Maria Egiziaca e la SS. Pietà entrambi del XIV secolo e di scuola giottesca (su quest'ultimo venne addossato una altare in marmo bianco del XVII secolo). In fondo alla chiesa si trova un grande organo di tipo bachiano, fabbricato dalla ditta Mascioni, punto di riferimento di un Festival Organistico Internazionale.

TRATTO 4 chiesa della Badia di Camaiore sec. VIII-XIII
tratto 4 mappa
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 5

DA CAMAIORE AL MOLIN BIANCO

Descrizione del percorso: per un breve tratto collima con il percorso storico e dalla Badia di Camaiore si prosegue lungo la Via Roma (ex provinciale) fino ad incontrare dopo circa un chilometro l'Oratorio di San Rocco, nei pressi dei quali sorgeva, nel XIV secolo, l'antico ospedale di proprietà delle monache del Monastero di S. Martino di Gello. Da qui è possibile, seguendo la stradina che passa sotto un arco prossimo alla chiesina, raggiungere per una breve visita (itinerario storico)  la Pieve di S. Stefano di Camaiore. Questa Pieve, citata già nell'anno 817, aveva sotto di se nove villaggi compresi nell'attuale territorio di Camaiore e dai quali ricavava la tassa della decima (la decima parte dei raccolti). La costruzione è stata, nel corso dei secoli, più volte rimaneggiata sebbene conserva ancora le linee architettoniche semplici del romanico. Al suo interno si conserva un bellissimo sarcofago di età romana e una pregevole tavola di Battista di Pisa del XV secolo. Proseguendo invece dalla chiesina di San Rocco, sul percorso ufficiale, si giunge fino alla località Tori (impianti sportivi) che ci conduce sulla via detta delle Gore sulla quale si affacciavano diversi opifici (frantoi e molini) posti sul torrente lucese. Prima di Pontemazzori si incontrano due interessanti opifici il primo è il Molin Bianco nei pressi di Marignana che fu di proprietà della Pieve di Camaiore esistente sin dal XIV secolo, il secondo e oil Frantoio Orsucci citato anch’esso sin dal XIV secolo..  

tratto 5 pieve di camaiore
tratto 5 mappa
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 6

DA PONTEMAZZORI A MONTEMAGNO

Descrizione del percorso: dalla chiesa di Pontemazzori il percorso ufficiale prosegue in direzione Montemagno seguendo la “Via Vecchia” che lambisce la Villa Trenta oggi Giannini. La nobile famiglia lucchese dei Trenta la troviamo già residente nella frazione camaiorese fin dalla fine del XVI secolo. Da qui si sale un tratto in forte pendenza che giunge fino al famoso leccio, quasi millenario, di Montemagno.

Il percorso storico trova invece due varianti. La prima, che conduce fino a Nocchi per poi salire, dopo la chiesa di S. Pietro citata nellanno 820, dalla via di Friano, denominata anche via Romana e la cui antichità è attestata da alcuni ritrovamentii archeologici. Questo tracciato ci permette di raggiungere lattuale Via Provinciale per Montemagno. La seconda iniziando da Pontemazzori segue la via di Biseste che fino agli anni 20 venne utilizzata come strada maestra per Lucca, e anche questultima ci riporta sulla via Provinciale per Montemagno.

TRATTO 6 - CHIESA DI S. PIETRO A nOCCHI
tratto 6 mappa
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 7

DA MONTEMAGNO A PIOPPETTI

Descrizione del percorso: inizia dal Leccio di Montemagno e si inoltra nella stradina che fiancheggia il lato nord della Chiesa di S. Michele di Montemagno, ricordata nell'anno 1129 e dove si trovava anche un antico e omonimo ospedale per i poveri e i pellegrini. Dalla chiesa di Montemagno si stacca un sentiero che ci conducefino al Castello di Montemagno, già esistente sin dall'anno 1099 (di proprietà privata ma visibile dal sentiero) del quale restano i ruderi della possente cinta muraria e del palazzo signorile con annessa torre cisterna oltre alla facciata della chiesetta di S. Bartolomeo. Appartenne ad una delle casate feudali versiliesi dominanti che i documenti ci ricordano come “nobili di Montemagno”.  La chiesa mostra poche tracce della struttura originaria e molti sono stati gli interventi subiti nel corso dei secoli. Il percorso ufficiale dalla chies di Montemagno  sale seguendo la via di Frascalino e con un tratto ripristinato su progetto della Provincia di Lucca e  raggiunge la località Pioppetti.

Il tracciato storico: prosegue dalla Chiesa di Montemagno e raggiunge con tratto prevalenetemente rettilineo la via della Freddana o Via Provinciale fino alla località Campacci nei pressi della località Pioppetti, chi volesse proseguire su questo tracciato dovrà  fare attenzione al traffico veicolare.

TRATTO 7 CHIESA DI S. MICHELE A MONTEMAGNO
TRATTO 7 MAPPA
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 8

DA PIOPPETTI AI CAMPACCI

Descrizione del percorso: il tracciato ufficiale segue il percorso storico e prosegue dalla località La Rena immettendosi sulla strada provinciale,trova poi sulla sinistra un piccolo gruppo di case dove è posta un’antica sorgente e prosegue fino alla deviazione che staccandosi dalla Provinciale ci condurrà alla località il Purgatorio (tratto francigeno antico) dove esisteva il romitorio femminile di Santa Maria,  citato sin dal 1260 come il “Romitorium de Piscopania”. Del piccolo cenobio non restano tracce e sul luogo è stata posta a ricordo una Cappella. Dal Purgatorio la strada si riimette sulla provinciale lasciando il tratto antico e giunge alla località dei Campacci.

tratto 8 - località alla Fontana
TRATTO 8 MAPPA
 

VIA FRANCIGENA CAMAIORE - TRATTO 9

DAI CAMPACCI ALLA VIA DELLE GAVINE

Descrizione del percorso: inizia dalla località I Campacci giunge poi presso il borgo di Valpromaro (da Valle Primaria), frazione divisa tra i comuni di Camaiore e Massarosa, seguendo l’itinerario storico. Quasi al centro del paese si trova l’antica chiesa di San Martino di Valpromaro citata nel 1121, al fianco della quale sorgeva l’antico ospizio per i pellegrini. Interessante un documento dell’anno 1101 che attesta la presenza della “via Romeam” a Valpromaro. Attraversato il borgo di Valpromaro e il Ponte di Malandrone, il tracciato antico prosegue dalla Via Vecchia delle Gore che trova qualche chilometro più avanti la deviazione per la Via delle Gavine che conduce a Piazzano, ricalcando in parte il percorso storico.

TRATTO 9 CHIESA DI VALPROMARO
tratto 9 mappa
 

 

Logo comune

Comune di Camaiore

 

Contatti

Piazza S. Bernardino da Siena, 1
55041 Camaiore (LU)
Centralino: (+39) 05849861
Fax: 0584 986264
Numero Verde: 800 015689
P.IVA 00190560466
PEC (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Numeri Utili

Comune di Camaiore 800 015689
Polizia Municipale 0584 986700
Citelum Segnalazione Guasti - Pubblica Illuminazione e semafori 800 978447
Gaia Segnalazione Guasti - Servizio Idrico 800 234567
Sea Whatsapp - Segnalazioni e informazioni raccolta rifiuti 3357192666
Segnalazioni Varchi Zona Traffico Limitato (servizio di prossima attivazione)

Seguici su

Seguici su Twitter  Seguici su Facebook  Seguici su YouTube